Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"...La noia è come il blues: ti fa pensare a dio,

 leggera come un gas che penetra il tuo io;

 La noia è nostalgia di un posto che non c'è,

 è voglia di andar via da tutti e anche da te..."

 

Marco Masini - Malinconoia

Sondaggi

La Sfida dei 100, 3°Fase-10°Sfida
 
 
 
 
pollcode.com free polls
20 gennaio 2012 5 20 /01 /gennaio /2012 00:01

La morte di Giancarlo Bigazzi, avvenuta nella notte del 18 gennaio all'età di 71 anni, lascia davvero tanta amarezza a tutti gli amanti della buona musica italiana. Negli ultimi anni i problemi di salute non gli hanno consentito di lavorare e rimane "Il pazzo", scritta per Mina nel 2002 l'ultimo brano scritto da lui prima che le condizioni fisiche lo portassero, in pratica, al ritiro fino al ricovero a Viareggio e poi alla morte. Ripercorrere il suo tragitto artistico è come sfogliare le pagine più belle della nostra storia musicale. Ha scritto brani per i più grandi esponeti della musica leggera italiana come Mina, Massimo Ranieri, Gianni Morandi, Ornella Vanoni, Mia Martini, Marco Masini, Umberto Tozzi, Francesco Guccini e tanti altri. Di Tozzi e Masini come di Raf, Aleandro Baldi, Paolo Vallesi è stato quello che si può definire il padre artistico, portandoli al successo attraverso strette collaborazioni e scrivendo pezzi storici e decisivi per le loro carriere. Tra le altre cose, l'autore fiorentino, ha composto anche alcune colonne sonore importanti per film come "Mary per sempre" e "Ragazzi fuori" di Marco Risi e "Mediterraneo" di Gabriele Salvatores. Esiste anche un aspetto goliardico nella sua lunga carriera che si trasforma nel gruppo degli "Squallor" fondato nel 1971 insieme ad alcuni amici del mondo discografico. I brani scritti e talvolta cantati da Bigazzi l'irriverente band ottengono un successo inaspettato per oltre vent'anni al punto di realizzare anche due film in anche lo stesso Bigazzi partecipa amichevolmente in qualità di attore. Il suo esordio come autore avviene nel 1968 con la canzone "Luglio" scritta per Riccardo Del Turco, poi "Lisa dagli occhi blu" per Mario Tessuto fino a tanti altri grandi successi come "Montagne verdi" per Marcella Bella, "Erba di casa mia" per Ranieri, "Ti amo" e "Gloria" per Tozzi, "Gente di mare" per Tozzi e Raf, "Gli uomini non cambiano" per Mia Martini,  "Si può dare di più" per Tozzi, Morandi e Ruggeri, "Cirano" per Guccini oltre a gran parte dei successi dei primi anni di carriera di Masini, Baldi , Amerio e Vallesi. Soprattutto nel caso di Masini, l'opera di Bigazzi, ha portato alla luce un grande talento  con pezzi come "Perchè lo fai", "Cenerentola innamorata", "Il niente", "Malinconoia" e tanti altri che hanno portato Masini ha diventare una vera e propia icona generazionale all'inizio degli anni novanta. Nella sua scuola fiorentina crescono inoltre alcuni allievi che troveranno la loro strada attraverso i suoi insegnamenti. Uno di questi è Giuseppe Dati, grandissimo autore che oltre a scrivere per tanti altri cantanti ha ereditato buona parte degli artisiti lanciati da Bigazzi grazie alle sue grandi qualità autoriali. Citare tutti i suoi capolavori sarebbe impossibile ma è consigliabile, per chi non lo conoscesse, di ricercare il suo repertorio per poter godere di una penna davvero unica e sensibile che ha fatto grande la musica italiana. Per chi, invece, conosce Bigazzi sa bene la grossa perdita che questa notizia ci ha provocato. Probabilmente, vista le ultimi condizioni di salute, non avrebbe scritto più se non di rado ma apprendere della sua morte togli ogni speranza in tal senso oltre a causare un profondo rammarico. D'altro canto l'ufficialità della morte, in questo casi, non può che rappresentare soltanto la definitiva immortalità delle sue opere che fin quando saranno cantate lustreranno sempre il ricordo di questo grande autore. 

 

bigazzi

 

Articoli correlati:

Aleandro Baldi: Una carriera oscurata dai media

"Caro babbo": Struggente capolavoro firmato Masini

"Gli uomini non cambiano": Mimì canta le delusioni d'amore

"I bambini fanno 'ooh...'": Esplode il fenomeno Povia

"Lontano dai tuoi angeli": Masini la dedica alla madre defunta

Lucio Dalla: Cade un'altra colonna della musica italiana

Marco Masini: "Dal buio"

Marco Masini: "Niente d'importante"

"Non amarmi": Baldi e Alotta cantano un amore "diverso"

"Non si cresce mai": L'amicizia per Bobby Solo e Little Tony

Paolo Vallesi e il progetto fantasma

"Si può dare di più": I retroscena di un successo

"Soli al bar": Baldi e Guerzoni danno voce agli ultimi

 

 

Condividi post

Repost0

commenti

carlo lamberti 01/22/2012 17:43

un blog utile alla cultura storico - musicale

Marco Liberti 01/22/2012 19:07



Grazie mille Carlo. E' davvero un bel complimento il tuo e spero di essere all'altezza di tale compito....



Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter