Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

Quei giorni perduti a rincorrere il vento,

a chiederci un bacio e volerne altri cento…
 
Fabrizio De André - Amore che vieni, amore che vai

 

Sondaggi

Chi vorresti al fianco di Baglioni a Sanremo 2018
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
19 ottobre 2016 3 19 /10 /ottobre /2016 23:01

E' il 1991 quando  Enzo Gragnaniello, reduce da ben due riconosciementi al "Premio Tenco" (ne riceverà un terzo nel 1999) in qualità di autore, scrive un pezzo di storia della nostra musica sia italiana che dialettale dal titolo "Cu 'mme". Il testo della canzone, infatti, è scritto in napoletano ma rompe subito ogni barriera geografica per la sua grande forza e per la passione espressa nel cantarla da due grandi artisti della musica italiana a cui, Gragnaniello, ha deciso di consegnare il brano. Roberto Murolo e  Mia Martini sono, infatti, i primi a cantare questa canzone facendone un capolavoro assoluto della cultura popolare italiana e la incidono da soli nel 1992 inserendola nell'album "Ottantavogliadicantare" con il quale il maestro Murolo festeggia i suoi ottant'anni. Successivamente, vista la forza della canzone, Gragnaniello si aggiunge ai due formando un trio d'eccezione che confeziona forse la versione migliore di questo brano per l'album "L'Italia è bbella" del 1993 prendendo il titolo del disco dalla canzone con la quale nello stesso anno Murolo si presentò al Festival di Sanremo. La canzone, da li in poi, assume vita propria rendendosi patrimonio comune della nostra musica. Tanti sono, infatti, gli artisti italiani che si sono cimentati in questa interpretazione ma la più toccante è sicuramente quella fatta da Gragniello insieme a Loredana Bertè in ricordo della sorella Mia Martini prematuramente scomparsa nel 1995. Nel 2003 giunge la morte anche di Roberto Murolo ed oggi, quindi, di quel sublime trio rimane il solo Enzo Gragnaniello che pur avendo sfornato altri grandi testi non ottiene, dal punto di vista mediatico, il giusto riscontro. Spesso, tra l'altro, quando viene riproposta "Cu 'mme" Gragnaniello non viene nemmeno citato attribuendo, in maniera errata, la paternità della canzone a Murolo. A Murolo e Mimì va dato atto di aver reso questa canzone eterna ma va sempre ricordato e sottolineato che questa perla è figlia della penna e della capacità artistica di Enzo Gragnaniello. Il testo della canzone fa riferimento all'anima che si tormenta tra le difficoltà del quotidiano ed invita a trovare la propria identità e la serenità innalzandosi verso la quiete attraverso un viaggio interiore nel profondo del nostro essere tralasciando le cose futili della vita e dando risalto all'infinita bellezza del creato. Un capolavoro, quindi, da ascoltare e riascoltare per apprezzare a fondo la grandezza di un grande cantautore come Gragniello e di due interpreti straordinari come Roberto Murolo e Mia Martini.

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter