Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

…e per questo amore figlio di un'estate,

ci vorrebbe il sale per guarire le ferite,

dei sorrisi bianchi fra le labbra rosa,

a contare stelle mentre il cielo si riposa…

Marco Masini - Ci vorrebbe il mare

Sondaggi

Cosa preferisci di questo blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
16 maggio 2015 6 16 /05 /maggio /2015 23:01

Era il 1989 e dopo diversi anni di silenzio dovuto alle calunnie legate alla sfortuna e alla conseguente depressione Domenica Bertè, in arte Mia Martini, convinta da Lucio Salvini e Giovanni Sanjust, due discografici che l'avevano seguita nei primi anni di carriera, decise di partecipare alle selezioni del Festival di Sanremo, al quale era stata più volte scartata partecipandovi una sola volta fino ad allora nel 1982 con "E non finisce mica il cielo", scritta da Ivano Fossati suo compagno dell'epoca, ottenendo il premio della critica ed il sesto posto in classifica. Nel 1989 il direttore artistico era Adriano Aragozzini il quale avrebbe avuto, quindi, diritto all'ultima parola sull'ammissione alla gara dell'artista calabrese. Le cattiverie e le dicerie sul conto di Mimì, però, nonostante fossero passati tanti anni in cui la Martini aveva sofferto in silenzio le più meschine perfidie da parte dell'ambiente discografico non si erano placate e, anche in quell'occasione pare ci siano state accese pressioni da parte dei discografici verso Aragozzini al fine di non prendere nemmeno in considerazione la candidatura di Mimì arrivando addirittura a minacciare il ritiro dei propri artisti. Questi personaggi, in preda alla più sconvolgente ignoranza, temevano che la presenza di Mia Martini potesse provocare l'insuccesso della manifestazione tutta, influenzare negativamente l'interpretazione degli altri artisti per i quali temevano anche della loro incolumità fisica. Si arrivò, perfino, alla conclusione che con la partecipazione di Mimì potesse crollare il teatro. Aragozzini, a quanto pare , si sarebbe limitato a minimizzare spiegando ai discografici che lui avrebbe valutato soltanto le canzoni e che se quella presentata della Martini meritava di salire sul palco dell'Ariston, l'artista, sarebbe stata ammessa senza problemi. La canzone in questione era "Almeno tu nell'universo", un autentico capolavoro scritto da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio nel 1972 e tenuto nel cassetto per diciassette anni perchè il contenuto fu ritenuto troppo avanti per quel determinato periodo storico e anche perchè per diversi anni nessun autore, prima dell'arrivo di Lauzi, era riuscito a scrivere un testo adatto a quello stupenda melodia. Il brano tratta l'incoerenza e l'ipocrisia della società contemporanea con una rassegnazione amara verso lo smarrimento dei valori della vita e di un'identità individuale che rende l'uomo falso e poco credibile. Il testo lancia, comunque, un appello alla riscoperta della verità e della dignità umana confidando nella non omologazione alla massa di quell'anonimo destinatario a cui è diretto questo intenso messaggio d'amore. Tornado al 1989 Aragozzini, dinnanzi ad una canzone di cotanto splendore, non poteva non ammettere Mimì al Festival eppure si mostrava, incomprensibilmente, combattuto nell'esprimere il verdetto finale. Ci volle, quindi, l'interessamento dell'amico Renato Zero, all'anagrafe Fiacchini, che - secondo le sue dichiarazioni rilasciate allo speciale di "Doreciakgulp" curato da Vincenzo Mollica "Mia Martini, dieci anni senza te" andato in onda su Rai Uno - fece da garante e gli fu chiesto di firmare un documento in cui lo stesso Zero si assumeva ogni responsabilità su tutto ciò di spiacevole che sarebbe potuto accadere durante l'esibizione di Mimì sul palco dell'Ariston. Una sorta di contratto della vergogna che Aragozzini ha poi smentito definendo il re dei sorcini un uomo molto fantasioso e negando di aver ottenuto alcuna firma nero su bianco in riguardo alla partecipazione della Martini. Aragozzini aggiunse, poi, che nonostante la cantante subiva ancora delle maldicenze, in quella occasione, nessun esponente del mondo musicale gli chiese di escluderla dal Festival e che la cantante superò regolarmente la selezione effettuata tra 35 canzoni dalla commissione artistica da lui formata. Malgrado le smentite, la storia raccontata da Zero, appare molto verosimile vista l'infinita cattiveria usata in quegli anni verso Mimì e, da amico fraterno, non risulta chiaro il motivo per il quale Zero avrebbe dovuto inventare un episodio così increscioso e vergognoso che difficilmente può essere immaginato come un totale frutto della fantasia dell'artista romano. In ogni caso, Mimì, partecipò alla competizione canora ottenendo un grandissimo successo soprattutto nel pubblico e consacrando il suo grande ritorno con il Premio della Critica che, successivamente, sarà intitolato proprio a lei e che in quell'occasione venne assegnato quasi come un gesto di scuse o per coprire l'assoluta ostilità verso la sua partecipazione che si tramutò in un ridicolo nono posto in classifica dietro perfino al comico, cantante per l'occasione, Francesco Salvi. La manifestazione fu vinta dalla coppia Leali-Oxa con "Ti lascerò" ma, "Almeno tu nell'universo", da quel momento, divenne una vera e propria pagina di storia della musica italiana. Un pezzo che ha avuto negli anni un enorme riscontro di vendite e apprezzamenti. Il brano, che inizialmente fu proposto a Mietta che lo rifiutò, è stato successivamente inciso come omaggio a Mimì, da tantissimi artisti come Mina, Massimo Ranieri, Elisa, Fiordaliso, Fausto Leali e, tra gli altri, da Thelma Houston nella versione inglese "Flame". Divenuto il cavallo di battaglia di Mimì, la canzone, accompagnò gli ultimi anni di vita dell'artista fatti di attestati di stima da parte della gente comune e di scuse poco convincenti degli addetti ai lavori. Ci furono, inoltre, altre edizioni del Festival arrivando a conquistare il secondo posto con un altro grandissimo successo, "Gli uomini non cambiano", scritto da Giancarlo Bigazzi, Marco Falangiani e Giuseppe Dati nel 1992 oltre ad un ulteriore Premio della Critica ricevuto nel 1990 con "La nevicata del '56" scritta da Franco Califano e classificatasi al quarto posto. Si presentò anche nel 1993 in coppia con la sorella Loredana Bertè in "Stiamo come stiamo" ottenendo un quattordicesimo posto. In questi anni, Mimì, aveva ritrovato un rapporto con il padre Giuseppe che già da molti anni aveva abbandonato la famiglia e, sembrava, aver superato quel lungo periodo buio della sua vita ma il 14 maggio 1995, nella sua casa di Cardano al Campo in provicia di Varese, fu ritrovato il suo corpo senza vita che giaceva con ancora addosso un paio di cuffie. In quei giorni, infatti, la Martini stava preparando un brano per il Festival di Napoli. La morte della cantante, avvenuta in circostanza poco chiare, provoca anche in questo triste epilogo illazioni e cattiverie su un possibile suicidio. Il medico legale attesterà, in seguito all'autopsia, che l'artista era deceduta per arresto cardiaco causato da overdose di stupefacenti e a tre giorni dalla morte il corpo fu cremato e l'inchiesta archiviata. Anche in questo caso, Renato Zero, interverrà dichiarando che Mimì aveva un fibroma all'utero ed assumeva farmaci anticoagulanti e cortisone per rimandare un intervento che temeva avrebbe potuto compromettere le sue qualità canore ipotizzando come causa possibile del decesso un ictus ischemico e rinnegando categoricamente l'eventualità del suicidio. "Doveva debuttare il giorno dopo ed era contenta. Il padre ha avuto troppa fretta di far cremare il suo corpo. Poteva chiedere - conclude Zero - una perizia di parte, invece di lasciare le conclusioni ad un medico legale in cerca di notorietà.". Come sia andata davvero nessuno lo può sapere, ma presupposto che, tutto il dolore ingiustamente subito in tutta la sua esistenza hanno influito pesantemente sulla sua salute fisica e mentale, ora è giusto che illazioni e dicerie lascino per sempre il nome di Mimì che deve essere ricordata solo per la sua grandezza artistica e morale e, la sua vita travagliata, deve servire da monito a tutti quelli che con troppa superficialità affibiano etichette infamanti che poi è difficile cancellare per l'intera esistenza e possono portare a tragici epiloghi.          

 
 

Condividi post

Repost 1
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Alice 07/31/2015 23:24

Se solo si potesse tornare indietro e darle ciò che merita

piccolo uomo 07/31/2015 14:50

FAVOLA PER GENTI STUPIDE E SUPERSTIZIOSE: Si narra della venuta di un individuo ..esente da ogni forma di idiozia ..che avrebbe posto fine all castello di ipocrisia umana..ovvio che per chi vive solo di cotanta insensatezza..la sua venuta rappresenta presagio di sventura...quando in realtà la svera sventura è nella loro stessa idiozia.

monarca 05/14/2015 03:55

come mai tali calunnie non sono state riservate alla pausini (in un suo concerto ci fu unn crollo) o a jovannotti. MIa aveva una figura decadente che non volle correggere a maggior ragione perchè l'ignoranza di certi contesti volevano portatrice di sfiga Mentre negli stessi anni il dark era diventato un fenomeno di costume nell'Italietta mediocre c'era chi vedeva nell'immagine di Mia la sfortuna. Non siamo cambiati molto abbiamo appioppato uguali appellativi ad altri artisti solo perchè non erano conformi allo spirito frivolo di quegli anni che voleva tutti sostenitori de capitalismo. Mentre Mia soffriva in silenzio nelle piazze impazzavano orrori musicali che per fortuna nessuno si ricorda più.Italiani popolo di frivolezze che lo ha condotto verso questi anni bui.TUTTI FORTEMENTE MERITATI: ITALIANI LONTANO ANNI LUCE DAI LORO GRABDI GENI

Marco Liberti 05/14/2015 14:57

Giusto monarca, grazie della partecipazione e torna a trovarmi!!!

Giuly 12/03/2011 01:26

Ma chissà mai perchè poi ce l'avessero tanto con lei, addirittura da pensare che potesse crollare il teatro..assurdo, allucinante...non era solo ignoranza secondo me anche invidia...lei era unica
in quel periodo, poteva passare davanti a tanti...lo fa anche adesso

Enzo di stazio. 03/07/2015 16:34

Solamente unica

Marco Liberti 12/03/2011 09:58



Si c'era anche invidia ma tutto nasce da un incidente automobilistico capitato ad un gruppo musicale esordiente che poco prima si era esibito con Mimì. Da lì fu etichettata e nel mondo
dello spettacolo è difficile cancellare certe nomee. L'ignoranza e la cattiveria non hanno limite.Ciao... 



Letizia 12/02/2011 16:43

Questo articolo mi rende felice; un sentimento che provo tutte le volte che Mia Martini viene ricordata.
Non posso fare a meno, però, di provare anche tristezza, rileggendo il racconto di tutte le disavventure patite da questa donna, frutto dell'ignoranza di gente che artisticamente non valeva quasi
nulla rispetto a lei

Marco Liberti 12/02/2011 16:59



Concordo in pieno. La vita di Mimì rende l'idea di quanto può far male l'ignoranza. Malgrado tutto e tutti resta sempre grandissima e non sarà mai dimenticata da chi ama la musica e la cultura
italiana.Ciao...



Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter