Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"...La noia è come il blues: ti fa pensare a dio,

 leggera come un gas che penetra il tuo io;

 La noia è nostalgia di un posto che non c'è,

 è voglia di andar via da tutti e anche da te..."

 

Marco Masini - Malinconoia

Sondaggi

La Sfida dei 100, 3°Fase-10°Sfida
 
 
 
 
pollcode.com free polls
21 settembre 2013 6 21 /09 /settembre /2013 23:01

La trentottesima edizione del Festival della Canzone Italiana si svolse dal 24 al 27 febbraio 1988 dal Teatro Ariston di Sanremo. L'organizzazione è affidata a Giorgio Verdelli della Publispei del direttore artistico Gianni Ravera e a Tonino Corvino per il Casinò di Sanremo mentre i testi dello show sono ancora di Bruno Broccoli. A condurre sono Miguel Bosè e Gabriella Carlucci con Carlo Massarini dal Palarock dove, anche quest'anno, viene allestito uno spettacolo che vede protagonisti tanti ospiti importanti come Paul Anka, Ben E. King e gli ex Beatles Paul McCartney e George Harrison. Inoltre vi sono gli interventi dall'esterno di Valerio Merola e quelli dal Casinò di Sanremo di Kay Sandvick, Lara Sanit Paul e Memo Remigi. Polemiche e considerazioni infuocate trovano, invece, spazio al "Processo al Festival" condotto da Aldo Biscardi. Anche questa volta non vi è l'orchestra ma gli artisti si esibiscono su basi preregistrate a differenza degli ospiti dal Casinò che sono accompagnati dall'Orchestra di Musica Leggera della Rai di Roma diretta dai maestri Bruno Canfora e Michele Montereali. A vincere è Massimo Ranieri con la celebre  "Perdere l'amore", brano che parla di un uomo che non si rassegna alla fine di un amore, scritto da Marcello Marrocchi e Giampiero Artegiani. Ancora una volta, invece, si piazza secondo Toto Cutugno con "Emozioni" mentre la terza piazza è di Luca Barbarossa con "L'amore rubato". Il premio della critica va, invece, a Fiorella Mannoia che bissa il successo dello scorso anno con "Le notti di maggio" di Ivano Fossati che arriva solo decima in gara. Altri brani da segnalare sono: "Mi manchi" cantata da Fausto Leali e scritta da Fabrizio Berlincioni e Franco Fasano che arriva quinta; "Italia" interpretata da Mino Reitano, scritta da Umberto Balsamo e giunta sesta; "Quando nasce un amore" proposta da Anna Oxa, scritta da Adelio Cogliati, Franco Ciani e Piero Cassano ed arrivata settima; "Inevitabile follia" di Raf, scritta con Giancarlo Bigazzi e arrivata undicesima; "Sarà per te" cantata dall'attore Francesco Nuti, scritta da Riccardo Mariotto ed arrivata dodicesima; "Io (per le strade di quartiere)" di Franco Califano, scritta con Toto Cutugno che arriva tredicesima e "Andamento lento" di Tullio De Piscopo, scritta con Mario e Giosy Capuano e giunta diciottesima. Gli altri Campioni in gara erano: Marcella Bella, Fiordaliso con Claudio Cabrini, Ricchi e Poveri, Figli di Bubba, Michele Zarrillo, Loredana Bertè, Peppino Di Capri, Matia Bazar, Drupi, Ron, Flavia Fortunato, New Trolls, Denovo, Nino Buonocore ed Alan Sorrenti. Tra le Nuove Proposte, invece, vincono i Future con "Canta con noi" di Marco Battistini, Mino Reitano, Gegè Reitano, Franco Sacco e Ricky Bolognese mentre il premio della critica, in questa categoria, va ancora una volta a Paola Turci con "Sarò bellissima" che in gara si ferma alla semifinale. Tra i giovani c'è da segnalare i debutti di Stefano Palatresi, Bungaro, Mietta e, sopratutto di Biagio Antonacci che presenta "Voglio vivere in un attimo" scritta con Rosalino Cellamare ovvero Ron non arrivando nemmeno in semifinale. A completare il cast dei giovani vi sono: Lijao, Miki, Giorgia Fiorio, Tania Tedesco, Stefania La Fauci, Stefano Ruffini, Fabio De Rossi, Ice, Andrea Mirò e Mariella Nava. La sigla iniziale della trasmissione era una versione di  "Nel blu dipinto di blu" cantata dal celebre tenore Luciano Pavarotti mentre quella conclusiva era "Mamma dammi i soldi" di Espressione Musica che non era altro che uno psedonimo utilizzato da un allora sconosciuto Francesco Baccini.  

 

Condividi post

Repost0

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter