Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

…e per questo amore figlio di un'estate,

ci vorrebbe il sale per guarire le ferite,

dei sorrisi bianchi fra le labbra rosa,

a contare stelle mentre il cielo si riposa…

Marco Masini - Ci vorrebbe il mare

Sondaggi

Cosa preferisci di questo blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
27 luglio 2016 3 27 /07 /luglio /2016 23:01

"Vedrai vedrai" è un brano storico di Luigi Tenco pubblicato nell'album che porta il suo nome del 1965 ed in quello successivo dal titolo "Tenco" del 1966. Il brano diventerà presto uno dei cavalli di battaglia del cantautore genovese prima di essere reinterpretato da numerosi artisti del panorama italiano dopo la tragica e, ancora oggi avvolta nel mistero, morte dell'artista. Tra gli altri, infatti, hanno ricantato il brano Mia Martini, Mina, Ornella Vanoni, Renato ZeroClaudio Baglioni oltre quello che è considerato un po' l'erede sia per origini territoriali che per cifra stilistica e cioè Francesco Baccini. Il testo parla dell'insofferenza di uomo che non riesce a dare alle persone che ama ciò che meriterebbero. Una rabbia scaturita da promesse disattese e dalla continua fiducia che, nonostante tutto, gli viene concessa senza remore da chi gli sta accanto. L'autore, infatti, preferirebbe essere rimporoverato, attaccato per la sua inconcludenza invece di trovare sempre accanto una persona comprensiva che gli continua a parlare con tenerezza come quando era bambino. Il protagonista, quindi, ripete la solita promessa, "...vedrai, vedrai, vedrai che cambierà..." senza dare certezze su tempi e modalità confessando, quindi, la sua stessa insicurezza su queste parole ripetute ormai chissà quante volte. Appare, dunque, quasi più come un messaggio di resa che di speranza in cui, l'autore, si affida completamente ad un destino di cui non si sente responsabile. Il brano, uno dei più amari dell'intera discografia italiana, assume un carattere ancor più crudo dalla interpretazione sofferta e sentita di Tenco che ha sempre ammesso di essere un uomo poco incline al sorriso facile. Una sua dichiarazione celebre è, infatti : "Io sono uno che sorride di rado, questo è vero, ma in giro ce ne sono già tanti che ridono e sorridono sempre, però poi non ti dicono mai cosa pensano dentro". La sincerità e sensibilità sono stati sempre aspetti che hanno caratterizzato la musica e la vita di questo artista che si suiciderà, almeno secondo gli atti attuali sempre, comunque, in evoluzione, nel 1967, a due anni dall'incisione di questo brano, in seguito ad una delusione sanremese. Del presunto suicidio e delle varie ipotesi ne abbiamo già parlato in un precedente articolo, ora, invece, è meglio continuare a godere del talento e dell'arte di uno dei più grandi cantautori della nostra storia discografica attraverso una delle sue perle più preziose.  

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter