Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"Se ci ritroveremo tutti in fondo al lungo viaggio,

avremo indietro l'anima, l'amore ed il coraggio.

Felice è lo stupore dopo il suono dei rintocchi,

perché so che l'infinito avrà i tuoi occhi..."

 

Enrico Ruggeri - L'infinito avrà i tuoi occhi

Sondaggi

Come ami ascoltare musica
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
25 febbraio 2016 4 25 /02 /febbraio /2016 00:01

"Vecchio frac" è uno dei brani più noti ed amati del repertorio di Domenico Modugno. Pubblicata nel 1955, la canzone, venne poi rivalutata negli anni successivi ottenendo ben 5 reincisioni oltre ad una versione inedita pubblicata dopo la morte del cantautore. Il singolo, che vedeva la presenza anche di "Sole, sole, sole" scritta con Riccardo Pazzaglia, ebbe un successo maggiore a quelli precedenti dell'artista ma solo dalla ristampa del 1960 le canzoni ottennero la giusta attenzione. Nel suddetto brano si racconta in modo intenso ed anche attraverso metafore il suicidio di un elegante signore dalla elevata estrazione sociale. Il testo, infatti, è ispirato alla storia del principe Raimondo Lanza di Trabia, allora marito dell'attrice Olga Villi, che all'età di 39 anni, nel novembre del 1954, si era tolto la vita gettandosi dalla finestra del suo palazzo in via Sistina a Roma. In seguito, poi, il poeta ed amico fraterno di Modugno, Giovanni Bruno, espresse anche una seconda fonte di ispirazione che l'artista ebbe per la nascita di questa canzone ovvero di una leggenda che la madre del cantautore gli raccontava quando era bambino che parlava di un fantasma che di notte usciva dal Castello di Conversano, in provincia di Bari, e vagava per la città. Un misto, quindi, tra leggenda e realtà che danno vita ad un capolavoro divenuto presto un cavallo di battaglia dell'artista oltre ad assumere un ruolo importante nella storia della nostra musica. Il carisma ed il modo che aveva Modugno di interpretare tale brano ha reso lo stesso unico e particolamente affascinante. All'epoca in cui venne pubblicata, la canzone, fu anche oggetto di censura sia per il tema del suicidio che per frasi che alludevano a contatti fisici ritenute immorali. Le strofe incriminate subirono delle variazioni ma Modugno, successivamente, le continuava a proporre nelle versioni originali. Per la cronaca "...Adieu, adieu, adieu, addio al mondo, ai ricordi del passato, ad un sogno mai sognato, ad un attimo d'amore che mai più ritornerà..." divenne "...ad un abito da sposa primo ed ultimo suo amor..." e "...chi mai sarà quell'uomo in frac..." si trasformò in "di chi sarà quel vecchio frac". Numerose, inoltre, sono state anche le cover del brano proposte da altri artisti come quelle di Claudio Villa nel 1963, di Enrico Ruggeri nel 1984 o quella dei Tiromancino insieme ai Negramaro del 2008.

 

 

 


 

Altro su:

Claudio Villa

Domenico Modugno

Enrico Ruggeri

Negramaro

Tiromancino   

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter