Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

…e per questo amore figlio di un'estate,

ci vorrebbe il sale per guarire le ferite,

dei sorrisi bianchi fra le labbra rosa,

a contare stelle mentre il cielo si riposa…

Marco Masini - Ci vorrebbe il mare

Sondaggi

Cosa preferisci di questo blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
7 marzo 2017 2 07 /03 /marzo /2017 00:01

"Ti ricordo ancora" è un brano del 1984 scritto e cantato da  Fabio Concato, Piccaluga all'anagrafe, e pubblicato nell'album "Fabio Concato" dello stesso anno. Sicuramente tra le canzoni più note ed amate del cantautore milanese, "Ti ricordo ancora", parla di un'amicizia particolare che ha aperto un dibattito tra gli appassionati di musica mai del tutto chiarito sulla profondità del rapporto raccontato nel testo. Si tratta di una forte amicizia o di un amore adolescenziale per un omossessuale? La questione è ancora aperta e non è detto che un giorno venga chiusa. Questo perchè un brano può assumere diversi significati in chi lo ascolta ed, infatti, fra le diverse letture c'è anche chi vede come tema centrale del brano gli abusi sessuali. Quest'ultima versione appare ardita poichè ciò che è chiaro è che il protagonista ricorda questa persona con affetto, il che non fa pensare ad abusi e poi, Concato, descrive questo ragazzo come un tipo dall'animo sensibile capace di commuoversi davanti a un film. Per tali ragioni si può capire che non si tratta di abusi nè di ricordi negativi poichè ciò che viene fuori è sicuramente un senso di tenerezza e di forte amore e, non è dato sapere e, forse, non è nemmeno tanto importante, se si trattasse di sentimento omossessuale o di profonda amicizia. Per esaminare la cosa, però, si può fare riferimento al testo e ciò che avvale la tesi di un inizio di rapporto gay tra ragazzini sono le frasi: "...eri un omino ma dentro avevi un cuore grande...che batteva forte un po' per me..." e, soprattutto, "E ti ricordo ancora...quando scoprirono che mi accarezzavi piano...e mi ricordo che ti tremavano le mani...ed un maestro antico che non capiva...". Queste, quindi, le parti del testo di Concato che possono far pensare a qualcosa di più di un'amicizia ma non esclude la possibilità che si tratti di un legame forte d'amicizia con un ragazzo particolarmente sensibile e desideroso di mostrare il suo affetto anche con atteggiamenti e dimostrazioni fisiche che potevano essere fraintese sia dal maestro citato nel brano che dalla stessa comunità sociale come dimostra, appunto, il dibattito nato sulla canzone. In ogni caso, lasciando libera interpretazione al testo, resta un grande pezzo ed un ennesima prova della grandezza di un autore che ha saputo distinguersi negli anni per la sua raffinatezza nello scrivere e nell'interpretare brani che hanno impreziosito la storia della nostra musica.

 

 

 


 

Altro su:

Fabio Concato

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Simone 10/18/2015 14:49

Cerca il video di Ti ricordo ancora che Fabio girò per i Migliori Anni e avrai la soluzione :)

Angelo 06/11/2015 09:06

Se ascolti il brano "Vito", sempre di Fabio Concato ma più vecchia di qualche anno (1978) puoi facilmente ricomporre il puzzle.
La storia è la stessa, così come le braghe corte e le gambe viola per il freddo.
Ciao

Marco Liberti 06/11/2015 10:02

Infatti Angelo il collegamento tra i due brani è molto plausibile ed interessante. Grazie della partecipazione e torna a trovarmi!!!

Barbara 07/14/2014 18:53

Secondo me si tratta di un amore omosessuale ." Ed un maestro antico che non capiva".. fa riferimento alla mentalità antica e spesso omofoba degli anni passati

Marco Liberti 07/15/2014 00:35

Si, Barbara, è una delle tesi più "calde" su questo bellissimo pezzo.Il verso che hai citato, l'ho riportato anch'io nell'articolo, insieme ad altri, che fanno pensare ad un amore gay o comunque ad una amicizia molto particolare. In ogni caso è un pezzo magico...grazie della partecipazione e torna a trovarmi e a dire la tua su tanti pezzi di storia della nostra musica...;)

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter