Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

Quei giorni perduti a rincorrere il vento,

a chiederci un bacio e volerne altri cento…
 
Fabrizio De André - Amore che vieni, amore che vai

 

Sondaggi

Chi vorresti al fianco di Baglioni a Sanremo 2018
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
5 giugno 2017 1 05 /06 /giugno /2017 23:01

"Francesco" è brano di  Aleandro Baldi, Civai all'anagrafe, che porta la firma dello stesso artista oltre che di Giuseppe Dati e Bruno Zucchetti. Il brano, in realtà quasi del tutto pronto prima dell'intervento di Aleandro, è figlio dei ricordi d'infanzia di Beppe Dati che viveva proprio vicino a Santa Croce, località di Firenze citata nel testo. La canzone, pubblicata nell'album "Ti chiedo onestà" del 1994, è una di quelle passate sotto silenzio, uno di quei brani che spesso sono ignorati dai media e di conseguenza dal grande pubblico. Infatti, sebbene in quegli anni Aleandro Baldi era nel clow della sua notorietà mediatica, non tutte le sue canzoni, come avviene un po' per tutti, venivano diffuse mediante i più diffusi mezzi di comunicazione. Di quell'anno e di quel disco veniva sempre e solo proposta  "Passerà" che vinse il Festival di Sanremo e che rappresentò uno dei punti più alti della carriera dell'artista. Come in molti casi, anche in questo disco, vi sono però delle altre canzoni che avrebbero meritato più visibilità ed una di queste è proprio "Francesco". Il testo intenso e struggente parla del quotidiano di uno di quei personaggi un po' strambi come ne esistono in ogni comunità cittadina. Il "matto del paese" che vive la sua vita per strada immerso nella sua personale realtà fatta di fantasia. L'uomo della canzone, nonostante la brutta nomea che si porta di dietro, non ha mai fatto del male a nessuno e passa le sue giornate a spazzare la strada per ripulire il mondo da quel pattume che lo circonda. Ovviamente, l'autore, cerca di interpretare, concededosi qualche licenza poetica, quella sua mania di spazzare continuamente la sua strada. Oltre ciò, però, Francesco deve affrontare anche il proprio essere e le proprie debolezze dovute ad una non perfetta salute fisica ed ad una vista poco efficace che si aggiungono a quei problemi psichici che gli caratterizzano l'esistenza e lo rendono invisibile agli occhi del mondo "civile". Le sue difficoltà lo portano anche ad avere difficoltà motorie e di equilibrio ma ciò che più gli rende dura la vita è quella estranietà dal mondo che lo circonda e quel dolore che sente dentro e che riesce ad esternare solo urlando e ripetendo i soliti movimenti quotidiani. La cattiveria del mondo che lo vede come un mostro dal quale stare lontano, fa di questo tenero personaggio l'emblema della solitudine e della indifferenza più profonda. Aleandro Baldi, però, immagina questo uomo come uno dei pochi capaci, attraverso la fantasia, di capire realmente i valori importanti della vita e lo vede come uno spazzino che accumula tutto l'amore e tutti i sogni che la gente "normale" butta via non apprezzando la fortuna che si ha nel possederli. Spazzando spazzando, Francesco, nella rappresentazione dell'autore, riduce l'intero universo in un mucchio di spazzatura esprimendo in tal modo tutto lo sporco, il marcio, il superfluo e la cattiveria che circonda il quotidiano vivere facendo dimenticare le cose davvero importanti ed i sentimenti nobili e puliti che dovrebbero essere alla base della vita e dei rapporti umani. Un pezzo, quindi, da ripescare dall'ottimo repertorio di un artista troppo spesso dimenticato e che meriterebbe di avere molto più visibilità di tanti presunti artisti che dominano senza reali meriti la scena mediatica. I tempi cambiano ed è bene che si sperimenta nuova musica con giovani talenti ma, allo stesso tempo, non va dimenticato chi come Aleandro Baldi ha scritto pagine importanti della nostra storia musicale e che continua a poporre musica di qualità pur essendo quasi del tutto ignorato da radio e televisioni. L'arte non ha età nè sesso nè razza e non deve essere proposta dai media solo per scopi commerciali ma, soprattutto, per la sua funzione più nobile e cioè quella di importante mezzo per la crescita culturale del Paese altrimenti rischieremo di fare come il "Francesco" della canzone spazzando via i grendi artisti ed i veri cantautori e riducendo il mondo della musica ad un mucchio di spazzatura lasciandolo nelle mani dei geni del marketing e della pubblicità.

 

 

 


 

Altro su:

Aleandro Baldi

Giancarlo Bigazzi

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Paola Poggi 08/09/2017 18:53

Bellissimo trovare qualcuno che dedica spazio e tempo a questo meraviglioso artista che da sempre impreziosisce la mia vita con la sua musica. Da segnalare a chi non la conoscesse, anch e la produzione piu' recente, come lo splendido album "Liberamente tratto" , primo lavoro in cui Aleandro non si e' avvalso della collaborazione, pur preziosissima, di Giancarlo Bigazzi.
Paola

Elaine 11/18/2015 10:26

(Mi scusa, sono inglese e non parlo italiano correntemente). Francesco è una delle mie canzoni favorite da Aleandro, ma è stata scritta da lui stesso con Beppe Dati e Bruno Zucchetti. Giancarlo Bigazzi non c'entra con questa canzone. Ecco un piccolo estratto dall'autobiografia di Aleandro, >:
"C'era un solo brano quasi pronto, quello di Beppe Dati e Bruno Zucchetti, >, una storia legata ai ricordi d'infanzia di Beppe che viveva vicino a Santa Croce dove Dante leva il suo sguardo arcigno e accusatore verso la città che lo costrinse all'esilo."
Sono grandissima fan di Aleandro e mi piacciono molto i suoi pezzi su le sue canzoni. Un anno fa ho avuto il privilegio di conoscerlo e ha firmato la mia copia del suo libro, il che mi ha reso molto felice!

Marco Liberti 11/20/2015 11:32

Elaine grazie per la visita e per la segnalazione. In effetti è proprio così anche se Bigazzi era sempre presente nei lavori di Aleandro anche se non compare come autore di questo brano. Beppe Dati ha accompagnato spesso Bigazzi nella realizzazione di molte canzoni per tanti artisti italiani. In ogni caso, la tua segnalazione è giustissima e mi complimento per i tuoi gusti musicali. Inoltre ti consiglio, essendo fan di Baldi, anche l'ascolto di artisti come Marco Masini, Paolo Vallesi o Danilo Amerio che, negli anni '90 hanno avuto sempre in Bigazzi la "regia" dei propri lavori e spesso anche la firma di Dati. Troverai molto anche di questi artisti su questo blog. A presto!

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter