Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"Ho ancora dentro il cuore il ritmo delicato dei tuoi passi,
 
e le parole che mi hai detto prima che ti addormentassi;
 
Ormai le critiche,
 
non mi feriscono,
 
ma devo a te questa fortuna,
 
a te che abiti la luna...
"
 
Marco Masini - Lontano dai tuoi angeli

Sondaggi

Il problema della musica italiana
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
28 febbraio 2016 7 28 /02 /febbraio /2016 00:01

Siamo nel 2007 quando Fabio Concato, Piccaluga all'anagrafe si presenta al 57° Festival di Sanremo con "Oltre il giardino", brano intenso scritto dallo stesso artista milanese che darà anche il nome all'antologia di successi pubblicata nello stesso anno. A Sanremo il brano si classifica tredicesimo ma ottiene un ottimo riscontro dalla critica e dal pubblico per il tema affrontato e per la solita raffinatezza con la quale Concato esprime le proprie composizioni. La canzone parla di uomo che a cinquant'anni deve fare i conti con un licenziamento e con la difficoltà di trovare lavoro nella realtà odierna soprattutto per una persona non più giovanissima. Il protagonista ipotizza di reinventarsi in altri mestieri pur di ritrovare quella serenità per sè e per la propia famiglia ormai perduta con l'assenza della busta paga. Ritrovarsi da un giorno all'altro a ridimensionare la propria vita per motivi economici è il dramma che viene espresso in questo intenso brano e senza dimenticare l'imbarazzo dell'uomo nel trovare le giuste parole per spiegare le inevitabili privazioni a dei figli ancora piccoli per comprendere questi repentini cambiamenti. L'uomo, però, pur rammaricato non perde la fiducia convinto di poter trovare la forza di ricominciare proprio come aveva fatto da ragazzo. Nel testo, quindi, viene trattato anche il tema delle esigenze della vita odierna e dei tanti bisogni fasulli che il quotidiano ci propone con prepotenza ed a cui non è sempre facile rinunciare. Gli agi e gli eccessi che assumono un falso ruolo di cose necessarie e che finiscono per condizionare l'esistenza di chi non può permetterseli. Il protagonista, tirate le somme, sogna di reiventasi giardiniere per il gusto di vivere, tra colori e profumi, una vita più semplice ma, allo stesso tempo, più pulita. In tal modo potrebbe ritrovare la vera essenza della vita ma, il sogno è ben diverso della realtà e pensare di cambiar mestiere a cinquant'anni potrebbe rimare una utopica fantasia. Il titolo del brano, anche se non inerente al tema, è tratto dall'ominimo celebre film del 1979 di Hal Ashby. Inoltre, a Sanremo, nella serata dei duetti, Concato, propone il brano con la partecipazione di Michele Zarrillo e di Tullio De Piscopo alla batteria.

 

 

       

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter