Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

…e per questo amore figlio di un'estate,

ci vorrebbe il sale per guarire le ferite,

dei sorrisi bianchi fra le labbra rosa,

a contare stelle mentre il cielo si riposa…

Marco Masini - Ci vorrebbe il mare

Sondaggi

Cosa preferisci di questo blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
23 aprile 2017 7 23 /04 /aprile /2017 23:01

"Mille giorni di te e di me" è uno dei brani più noti di Claudio Baglioni e pubblicato in un album svolta del cantautore romano intitolato "Oltre" del 1990. Con questo disco, Baglioni, conclude la prima fase della carriera ed abbandona il suo stile iniziale fatto di testi tendenzialmente semplici e di melodie comuni. Infatti, suscitando un certo scalpore ed iniziale diffidenza sia nel pubblico che nella critica, Baglioni adotta in questo disco testi piuttosto criptici e metriche che risultano meno dirette rispette a quelle utilizzate in precedenza. Anche "Mille giorni di te e di me" non sfugge a questo cambiamento e sarà forse il brano con il Baglioni ha davvero realizzato di aver fatto una scelta giusta. Infatti, il brano come tutto il disco, superata la fase di diffidenza ottiene un clamoroso successo restando in classifica per oltre quaranta settimane e risultando molto apprezzato ancora oggi. Il cambio musicale dell'artista è dovuto, anche, all'incontro avuto con Peter Gabriel che gli trasmette la passione per la musica etnica che Baglioni utilizzerà parzialmente già da questo album. L'uscita del disco era prevista per l'anno precendente e doveva chiamarsi "Un mondo più uomo sotto un cielo mago" poi divenuto "Un mondo uomo sotto un cielo mago" e mantenuto come sottotitolo dell'album. "Mille giorni di te e di me", come detto, dimostra bene il cambiamento dello stile di Baglioni viste le metriche usate per le strofe e la musicalità lontana dalla classica melodia del tempo. Anche nel testo e nell'interpretazione, scompare quella etichetta di cantore dei buoni sentimenti per far spazio ad un più disincatato osservatore della vicenda di cui si narra e cioè della fine di una storia d'amore e di tutte le sue conseguenze interiori e materiali. Un brano e un album, quindi, che hanno segnato la storia artistica di Balgioni che continuerà su questa strada regalandoci ancora tantissime perle che impreziosicono le pagine più belle della nostra storia musicale. Prima del 1990, Baglioni, aveva comunque già portato alla luce tanti successi e si era già consolidato tra i grandi della musica italiana ma questa svolta ha proposto un Balgioni diverso che ha solo dato una nuova veste al suo grande ed indiscusso talento che continua ad esprimere ancora oggi proposte di qualità cercando sempre di rinnovarsi e di non fossilizzarsi mai sul proprio glorioso passato.

 

 

 


 

Altro su:

Claudio Baglioni

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter