Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"...La noia è come il blues: ti fa pensare a dio,

 leggera come un gas che penetra il tuo io;

 La noia è nostalgia di un posto che non c'è,

 è voglia di andar via da tutti e anche da te..."

 

Marco Masini - Malinconoia

Sondaggi

La Sfida dei 100, 3°Fase-10°Sfida
 
 
 
 
pollcode.com free polls
24 maggio 2017 3 24 /05 /maggio /2017 14:25

"Zerovskij...solo per amore" è il nuovo lavoro discografico di Renato Zero nato parallelamente allo spettacolo teatrale che lo porterà in tour dal prossimo luglio. Spettacolo teatrale che assume i tratti dell'opera visto che l'artista romano sarà accompagnato da oltre 100 figure tra musicisti diretti dal consueto maestro Renato Serio e attori che metteranno in scena ciò che Zero ha confezionato con questo album. Ben 19 pezzi, Renato, come in tutti gli ultimi lavori autoprodotti non si risparmia e regala sempre dischi ricchi di inediti e con ottima frequenza a dimostrazione della sua prolificità artistica. Non a caso è giunto al ventinovesimo album in studio essendo ancora uno degli artisti più amati ed apprezzati del panorama italiano. Questo affetto del pubblico parte soprattutto dalla capacità dell'artista di regalare emozioni in versi come pochi riescono a fare. La teatralità, le interpretazioni, il modo di affrontare il palco e la gente sono solo alcuni dei punti che fanno di Zero una icona della nostra musica e della nostra cultura e se ancora oggi, dopo tanti anni di successi, è sempre pronto a rimettersi in gioco forse è proprio "...solo per amore", come recita il sottotitolo di questo disco. Per amore del pubblico e per amore di una musica che ha caratterizzato la sua vita e quella dei suoi "sorcini". Analizzando l'album che presenta tutti inediti tranne "Infiniti treni" ripresa da "Soggetti smarriti" del 1986, si scopre che Renato si affida ai collaboratori di sempre e diventa subito ed inevitabilmente magia. Un'alchimia già testata che produce senza eccessivi sforzi una naturale essenza di poesia che va a toccare i temi centrali delle nostre vite e cioè l'amore, l'odio, il tempo, la vita stessa e la morte. Su questo tracciato esistenziale si dirama l'album e le sue pagine intrise di sospiri, sorrisi, smorfie, lacrime e riflessioni talvolta molto profonde. "Stalker""Colpevoli", "Vivo" ma anche il primo singolo "Ti andrebbe di cambiare il mondo?" sono manifesti chiari di questo prodotto di grande qualità che ci riporta il "solito Renato" in grande forma che non delude mai. Come detto, gente come Maurizio Fabrizio, Vincenzo IncenzoMariella Nava, sono cavalli di razza e difficilmente sbagliano un colpo se poi si affiancano ad un genio come Renato il risultato non può che essere eccellente come succede ormai da decenni quando in squadra vi sono questi fuoriclasse. Questo disco celebra anche i 50 anni di carriera di Zero e quindi 50 anni della nostra storia, del nostro patrimonio musicale, della nostra arte, della nostra vita. Non resta, quindi, che applaudire ancora una volta Renato e augurare, a lui e a tutti noi, che questo sia solo l'inizio dei prossimi 50 anni di nuovi successi. Auguri Nì!   

Condividi post

Repost0

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter