Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"...E chissà se è solo un gioco,

se le stelle c'hanno i fili,

se qualcuno sa già tutto,

di questi bimbi nei cortili..."

 

 

Luca Carboni - La nostra storia

Sondaggi

La Sfida dei 100, 4°Fase-5°Sfida
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
18 maggio 2015 1 18 /05 /maggio /2015 23:01

"Un pezzo di vita" è uno dei brani presenti nell'ultimo album di Enrico Ruggeri ed è anche quello che ha ispirato il titolo dello stesso che è "Pezzi di vita". Il testo racconta la presa di coscenza di un uomo che sta per affrontare un futuro incerto dopo aver chiuso una importante storia d'amore. Il protagonista, quindi, si ritrova improvvisamente ma consapevolemente solo come, del resto, anche la sua ex compagna. L'uomo è deciso in questa chiusura pur sapendo che gli toccherà ripartire senza "un pezzo di vita" che rappresenta ormai un passato inaccessibile ma anche una parte importante della sua esistenza. Si termina una storia, quindi, senza alcuna certezza per il futuro ma con la convinzione di essere arrivato al capolinea di quell'avventura che ha segnato la sua giovinezza e la sua strada verso maturità. L'uomo, quindi, abbandona le antiche certezze, i momenti di tenerezza e di follia adolescenziale oltre alle chiavi di casa per essere sicuro di non poter riaprire quella porta ormai chiusa e porta con se le scarpe, un cappello di lana per quando sentirà freddo, le carte per compagnia, una penna per scrivere ciò che oggi è ed una giacca da uomo, simbolo della maturità raggiunta. Un brano davvero molto bello e interpretato con la solita intensità da un Ruggeri in grande forma che non tralascia mai l'importanza del testo e delle parole riuscendo sempre a trovare chiavi originali ed espressioni di grande poesia anche quando presenta una tematica molto utilizzata come l'amore e, in particolare, la fine dello stesso. Parlando di questi temi, infatti, è facile cadere nel banale e ripetere cose già dette da qualcun'altro ma sta proprio qui la grandezza di cantautore come Ruggeri. Riuscire ancora a sorprendere, ad emozionare, a far riflettere parlando d'amore non è impresa da tutti ma qui si denota la sensibilità di una penna fuori dal comune, sicuramente una delle più efficaci ed affascinati del nostro patrimonio musicale e culturale.     

Condividi post
Repost0
16 maggio 2015 6 16 /05 /maggio /2015 23:01

Era il 1989 e dopo diversi anni di silenzio dovuto alle calunnie legate alla sfortuna e alla conseguente depressione Domenica Bertè, in arte Mia Martini, convinta da Lucio Salvini e Giovanni Sanjust, due discografici che l'avevano seguita nei primi anni di carriera, decise di partecipare alle selezioni del Festival di Sanremo, al quale era stata più volte scartata partecipandovi una sola volta fino ad allora nel 1982 con "E non finisce mica il cielo", scritta da Ivano Fossati suo compagno dell'epoca, ottenendo il premio della critica ed il sesto posto in classifica. Nel 1989 il direttore artistico era Adriano Aragozzini il quale avrebbe avuto, quindi, diritto all'ultima parola sull'ammissione alla gara dell'artista calabrese. Le cattiverie e le dicerie sul conto di Mimì, però, nonostante fossero passati tanti anni in cui la Martini aveva sofferto in silenzio le più meschine perfidie da parte dell'ambiente discografico non si erano placate e, anche in quell'occasione pare ci siano state accese pressioni da parte dei discografici verso Aragozzini al fine di non prendere nemmeno in considerazione la candidatura di Mimì arrivando addirittura a minacciare il ritiro dei propri artisti. Questi personaggi, in preda alla più sconvolgente ignoranza, temevano che la presenza di Mia Martini potesse provocare l'insuccesso della manifestazione tutta, influenzare negativamente l'interpretazione degli altri artisti per i quali temevano anche della loro incolumità fisica. Si arrivò, perfino, alla conclusione che con la partecipazione di Mimì potesse crollare il teatro. Aragozzini, a quanto pare , si sarebbe limitato a minimizzare spiegando ai discografici che lui avrebbe valutato soltanto le canzoni e che se quella presentata della Martini meritava di salire sul palco dell'Ariston, l'artista, sarebbe stata ammessa senza problemi. La canzone in questione era "Almeno tu nell'universo", un autentico capolavoro scritto da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio nel 1972 e tenuto nel cassetto per diciassette anni perchè il contenuto fu ritenuto troppo avanti per quel determinato periodo storico e anche perchè per diversi anni nessun autore, prima dell'arrivo di Lauzi, era riuscito a scrivere un testo adatto a quello stupenda melodia. Il brano tratta l'incoerenza e l'ipocrisia della società contemporanea con una rassegnazione amara verso lo smarrimento dei valori della vita e di un'identità individuale che rende l'uomo falso e poco credibile. Il testo lancia, comunque, un appello alla riscoperta della verità e della dignità umana confidando nella non omologazione alla massa di quell'anonimo destinatario a cui è diretto questo intenso messaggio d'amore. Tornado al 1989 Aragozzini, dinnanzi ad una canzone di cotanto splendore, non poteva non ammettere Mimì al Festival eppure si mostrava, incomprensibilmente, combattuto nell'esprimere il verdetto finale. Ci volle, quindi, l'interessamento dell'amico Renato Zero, all'anagrafe Fiacchini, che - secondo le sue dichiarazioni rilasciate allo speciale di "Doreciakgulp" curato da Vincenzo Mollica "Mia Martini, dieci anni senza te" andato in onda su Rai Uno - fece da garante e gli fu chiesto di firmare un documento in cui lo stesso Zero si assumeva ogni responsabilità su tutto ciò di spiacevole che sarebbe potuto accadere durante l'esibizione di Mimì sul palco dell'Ariston. Una sorta di contratto della vergogna che Aragozzini ha poi smentito definendo il re dei sorcini un uomo molto fantasioso e negando di aver ottenuto alcuna firma nero su bianco in riguardo alla partecipazione della Martini. Aragozzini aggiunse, poi, che nonostante la cantante subiva ancora delle maldicenze, in quella occasione, nessun esponente del mondo musicale gli chiese di escluderla dal Festival e che la cantante superò regolarmente la selezione effettuata tra 35 canzoni dalla commissione artistica da lui formata. Malgrado le smentite, la storia raccontata da Zero, appare molto verosimile vista l'infinita cattiveria usata in quegli anni verso Mimì e, da amico fraterno, non risulta chiaro il motivo per il quale Zero avrebbe dovuto inventare un episodio così increscioso e vergognoso che difficilmente può essere immaginato come un totale frutto della fantasia dell'artista romano. In ogni caso, Mimì, partecipò alla competizione canora ottenendo un grandissimo successo soprattutto nel pubblico e consacrando il suo grande ritorno con il Premio della Critica che, successivamente, sarà intitolato proprio a lei e che in quell'occasione venne assegnato quasi come un gesto di scuse o per coprire l'assoluta ostilità verso la sua partecipazione che si tramutò in un ridicolo nono posto in classifica dietro perfino al comico, cantante per l'occasione, Francesco Salvi. La manifestazione fu vinta dalla coppia Leali-Oxa con "Ti lascerò" ma, "Almeno tu nell'universo", da quel momento, divenne una vera e propria pagina di storia della musica italiana. Un pezzo che ha avuto negli anni un enorme riscontro di vendite e apprezzamenti. Il brano, che inizialmente fu proposto a Mietta che lo rifiutò, è stato successivamente inciso come omaggio a Mimì, da tantissimi artisti come Mina, Massimo Ranieri, Elisa, Fiordaliso, Fausto Leali e, tra gli altri, da Thelma Houston nella versione inglese "Flame". Divenuto il cavallo di battaglia di Mimì, la canzone, accompagnò gli ultimi anni di vita dell'artista fatti di attestati di stima da parte della gente comune e di scuse poco convincenti degli addetti ai lavori. Ci furono, inoltre, altre edizioni del Festival arrivando a conquistare il secondo posto con un altro grandissimo successo, "Gli uomini non cambiano", scritto da Giancarlo Bigazzi, Marco Falangiani e Giuseppe Dati nel 1992 oltre ad un ulteriore Premio della Critica ricevuto nel 1990 con "La nevicata del '56" scritta da Franco Califano e classificatasi al quarto posto. Si presentò anche nel 1993 in coppia con la sorella Loredana Bertè in "Stiamo come stiamo" ottenendo un quattordicesimo posto. In questi anni, Mimì, aveva ritrovato un rapporto con il padre Giuseppe che già da molti anni aveva abbandonato la famiglia e, sembrava, aver superato quel lungo periodo buio della sua vita ma il 14 maggio 1995, nella sua casa di Cardano al Campo in provicia di Varese, fu ritrovato il suo corpo senza vita che giaceva con ancora addosso un paio di cuffie. In quei giorni, infatti, la Martini stava preparando un brano per il Festival di Napoli. La morte della cantante, avvenuta in circostanza poco chiare, provoca anche in questo triste epilogo illazioni e cattiverie su un possibile suicidio. Il medico legale attesterà, in seguito all'autopsia, che l'artista era deceduta per arresto cardiaco causato da overdose di stupefacenti e a tre giorni dalla morte il corpo fu cremato e l'inchiesta archiviata. Anche in questo caso, Renato Zero, interverrà dichiarando che Mimì aveva un fibroma all'utero ed assumeva farmaci anticoagulanti e cortisone per rimandare un intervento che temeva avrebbe potuto compromettere le sue qualità canore ipotizzando come causa possibile del decesso un ictus ischemico e rinnegando categoricamente l'eventualità del suicidio. "Doveva debuttare il giorno dopo ed era contenta. Il padre ha avuto troppa fretta di far cremare il suo corpo. Poteva chiedere - conclude Zero - una perizia di parte, invece di lasciare le conclusioni ad un medico legale in cerca di notorietà.". Come sia andata davvero nessuno lo può sapere, ma presupposto che, tutto il dolore ingiustamente subito in tutta la sua esistenza hanno influito pesantemente sulla sua salute fisica e mentale, ora è giusto che illazioni e dicerie lascino per sempre il nome di Mimì che deve essere ricordata solo per la sua grandezza artistica e morale e, la sua vita travagliata, deve servire da monito a tutti quelli che con troppa superficialità affibiano etichette infamanti che poi è difficile cancellare per l'intera esistenza e possono portare a tragici epiloghi.          

 
 
Condividi post
Repost0
10 maggio 2015 7 10 /05 /maggio /2015 23:01
Sondaggi: La più bella di... Sergio Cammariere
La più bella di... Sergio Cammariere
 
pollcode.com free polls
Condividi post
Repost0
8 maggio 2015 5 08 /05 /maggio /2015 23:01
Sondaggi: La più bella di... Nada
La più bella di... Nada
 
pollcode.com free polls
Condividi post
Repost0
6 maggio 2015 3 06 /05 /maggio /2015 23:01
Sondaggi: La più bella di... Mino Reitano
La più bella di... Mino Reitano
 
pollcode.com free polls
Condividi post
Repost0
4 maggio 2015 1 04 /05 /maggio /2015 23:01
Sondaggi: La più bella di... Gemelli DiVersi
La più bella di... Gemelli DiVersi
 
pollcode.com free polls
Condividi post
Repost0
3 maggio 2015 7 03 /05 /maggio /2015 23:01

Tra le tante canzoni che  Gianni Morandi ha portato al successo ce ne una che, forse, non ha ottenuto la visibilità che meritava ma che rimane uno dei brani più emozionanti e particolari di tutto l'infinito repertorio dell'artista bolognese. "Il mio amico", appunto, scritta dallo stesso Morandi con la collaborazione di Marco Falagiani ed inserita nell'album "L'amore ci cambia la vita" del 2002, è una canzone che esamina con toccante realismo la condizione delle persone affette dalla sindrome di Down nella nostra società. La canzone vuole sottolineare soprattutto la forza ed il coraggio che queste persone indifese tirano fuori per affrontare una vita colma di difficoltà senza perdere mai la fiducia per andare avanti. Anche con le diversità, infatti, la vita è comunque un dono che vale la pena di essere vissuta ed è proprio questo il messaggio che Morandi intende far passare. La cattiveria e l'indifferenza della gente "normale" non deve portare ad arrendersi ma sono proprio loro, i disabili, a mostrare una forza spesso maggiore di quella che potrebbe immaginare una qualunque persona sana mettendosi nei loro panni. In questa canzone, Morandi, si rivolge ad un amico che vive in questa condizione definendolo "...uno strano violino con le corde di seta...in un mondo distratto che cinico suona...questo grande concerto che in fondo è la vita". Non è dato sapere se l'amico in questione sia reale o di fantasia ma è certo che Morandi ha dedicato questo brano a tutti i disabili con l'intenzione di sensibilizzare l'opinione pubblica sull'emarginazione e sulle problematiche di integrazione di queste persone nel quotidiano. Non vengono dimenticate, infatti, nel testo le difficoltà di queste persone ed i momenti di sconforto che, come tutti gli esseri umani, anche loro devono affrontare come nel caso degli amori che, per la loro condizione, finiscono prima ancora di cominciare. Ma anche questi momenti vengono superati magari grazie al supporto di un amico o ad un dialogo con le onde del mare. Le meraviglie della vita che loro riescono a vedere grazie ad una spiccata sensibilità dimenticando le cose negative è un dono che spesso chi ha tutto non apprezza abbastanza e nella canzone è proprio l'amico down ad aprire gli occhi a Gianni sulla bellezza del creato. "In questo mondo veloce...il mio amcio si muove a fatica...proprio lui che mi aiuta a capire e ad amare la vita". Un testo magnifico, quindi, che non può mancare nella playlist di chi ama la musica di qualità e significativa. In fondo un brano che porta a riflettere è sempre qualcosa di raro e prezioso nella disografia attuale dove, spesso, prevale la banalità.

 

 

 

Condividi post
Repost0
2 maggio 2015 6 02 /05 /maggio /2015 23:01
Sondaggi: La più bella di... Bobby Solo
La più bella di... Bobby Solo
 
pollcode.com free polls
Condividi post
Repost0
1 maggio 2015 5 01 /05 /maggio /2015 23:01

"E' venerdì" è il nuovo singolo proposto da Max Pezzali in vista dell'uscita del nuovo album "Astronave Max" che vedrà la luce il prossimo primo giugno. Il cantautore milanese ci parla dello stress del quotidiano settimanale sollevandosi con il pensiero che è, appunto, venerdì e cioè che si avvicina il week end che, grazie anche ad una buona compagnia, diventa un intervallo di relax dai pensieri che torneranno inevitabilmente il lunedì successivo. Il protagonista, quindi, si gode questi istanti di leggerezza tra un cocktail e l'affetto della sua partner staccando il telefono e mettendo da parte, almeno per un po', traffico, lavoro e quant'altro riempie la routine della settimana. L'ispirazione per questo brano, inoltre, nasce da una catena di ristornati che Max ha notato in giro per il mondo dal nome "TGI Friday" che significa "Thank God  It's Friday's" e cioè "Grazie a Dio è venerdì" e Max, da quanto lui stesso ha dichiarato, ha pensato che rendesse bene l'idea dell'attesa del week end per staccare dalla routine settimanale e, quindi, da quello stress e quelle ansie che caratterizzano le vite di chi vive l'attuale società. Tra l'altro, come sempre, Max si conferma un innovatore proponendo un videoclip con la nuova tecnologia di Periscope, l'applicazione di Twitter che permette di girare video in presa diretta e condividerli al momento in streaming. Il testo del brano, quindi, viene visualizzato con una serie di tweet istantanei e, tra questi, spuntano anche quelli simpatici ed amichevoli di Mauro Repetto, Syria, Claudio Cecchetto, Red Ronnie, Pierpa Peroni, Saturnino, Fiorello e i Serpenti. Una ulteriore chicca, quindi, che consegna a Max Pezzali un altro primato oltre al brano che rispecchia in piena il percorso artistico di Pezzali ed al suo modo di fare musica rappresentando la realtà attraverso testi diretti, semplici ma non per questo banali. Un mix che ha fatto la fortuna dell'artista e che lo ha reso un vero fenomeno generazionale, con i suoi 883, negli anni '90, e che oggi continua a conquistare nuove generazioni di giovani non perdendo mai lo zoccolo duro dei suoi sostenitori. Aspettando, quindi, di salire sull' "Astronave Max" per scoprire le nuove istantanee della nostra realtà scattate dall'autore, godiamoci insieme a Max, mettendo da parte i pensieri, questo "E' venerdì" e scappiamo con lui dalla monotonia della routine settimanale in questi tre minuti di leggerezza. 

Condividi post
Repost0
30 aprile 2015 4 30 /04 /aprile /2015 23:01
Sondaggi: La più bella di... Alan Sorrenti
La più bella di... Alan Sorrenti
 
pollcode.com free polls
Condividi post
Repost0

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter