Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"Se ci ritroveremo tutti in fondo al lungo viaggio,

avremo indietro l'anima, l'amore ed il coraggio.

Felice è lo stupore dopo il suono dei rintocchi,

perché so che l'infinito avrà i tuoi occhi..."

 

Enrico Ruggeri - L'infinito avrà i tuoi occhi

Sondaggi

8 febbraio 2017 3 08 /02 /febbraio /2017 16:03
Plagi: Sanremo 2017, Fiorella Mannoia vs Fiordaliso

Il bel brano presentato da Fiorella Mannoia "Che sia benedetta", scritto da Erika Mineo, in arte Amara, e Salvatore Mineo, si avvicina non poco nelle strofe alla melodia di "Accidenti a te", brano portato al Festival del 2002 da Fiordaliso e scritto da Giancarlo Bigazzi e Marco Falangiani. A voi l'ascolto:

Condividi post
Repost0
8 febbraio 2017 3 08 /02 /febbraio /2017 00:07
Sanremo 2017: Impressioni al primo ascolto - 1a parte

GIUSY FERRERI: 5 - Possibile tormentone radiofonico ma nulla di più. MEDIOCRE.

FABRIZIO MORO: 6, 5 - Il senso del testo fa riecheggiare "La cura" di Battiato e, pur essendo un bravo cantautore, Moro come evidentemente nessun altro, si può avventurare in una riscrittura di un simile capolavoro uscendone senza danni. CORAGGIOSO.

ELODIE: 5, 5 - Buone doti ma i troppi "amore" disturbano un brano orecchiabile e diretto che potrebbe portarla lontano in una gara di 5 giorni per poi perdersi con la stessa rapidità. FURBETTA

LODOVICA COMELLO: 4, 5 - Brano ed interpretazione senza sale ne mordente. Presenza fuori luogo. PERCHÉ?

FIORELLA MANNOIA: 9 - Il testo di Amara è perfetto per lei che riuscirebbe ad incantare anche leggendo l'elenco del telefono. È di un altra pasta rispetto ai colleghi finora apparsi. A meno di sorprese Fiorella ha già vinto. SUBLIME.

ALESSIO BERNABEI: 3 - Si ricandida come da copione a ricoprire gli ultimi posti della classifica. C è da chiedersi solo come riesce a superare le selezioni con così tanta continuità. MISTERO.

ALBANO CARRISI: 6 - Quello che ci si aspetta. Più classico non si può ma non si può pretendere altro da Al Bano. Per chi ama il genere svolge come al solito il suo compito. PROFESSIONISTA.

SAMUEL: 6 - Brano piacevole che si lascia ascoltare ma non esalta. Samuel mantiene il suo stile anche da solista e, senza picchi, offre una performance sufficiente. GRADEVOLE.

RON: 7 - Pura poesia. L'amore visto col solito sguardo profondo di un cantautore di mestiere. Non è facile non cadere nella banalità quando si canta l'amore ma Ron ci riesce da circa mezzo secolo. ARTISTA.

CLEMENTINO: 6, 5 - Potrebbe arrivare al podio sull'onda di un rap sempre più di moda e del solito canovaccio già cavalcato mille volte,  e che ben si adatta al genere,  del ragazzo di strada. SCUGNIZZO.

ERMAL META: 6, 5 - Il tema arduo potrebbe essere un boomerang ma le qualità autoriali potrebbero farne un candidato per il premio della critica. POVIA 2.0.

Condividi post
Repost0
28 gennaio 2017 6 28 /01 /gennaio /2017 00:01

"Via del Campo" è una canzone scritta nel 1967 da Fabrizio De Andrè su di una musica realizzata da Enzo Jannacci per il suo brano "La mia morosa la va alla fonte" del 1965 ma che Faber credeva fosse una composizione del '500 tratta da una ricerca di Dario Fo. Il brano venne inciso lo stesso anno nell'album "Fabrizio De Andrè Volume 1" e, negli anni, è diventata una delle canzoni più rappresentative della sua ricchissima storia musicale. Al centro del testo c'è la vita di una prostituta di altri tempi che attendeva sulla soglia della sua abitazione, in Via del Campo appunto, i clienti. Via del Campo è un'antica strada lastricata del centro storico della città di Genova dove, in passato, bazzicavano prostitute, ambulanti e contrabbandieri. Un'altra storia, quindi, che ha per protagonisti gli emarginati come spesso il grande autore genovese ama dar voce. Un mestiere antico, la prostituzione, che in questo splendido testo assume anche un carattere vagamente romantico e sicuramente poetico. La descrizione sia dello sguardo che dei comportamenti di questa donna esprimono il combattimento interno nel svolgere questa vita ma l'adorazione ed il quasi amore vero dei clienti ergono questa figura a regina degli emarginati della società. L'amore non corrisposto da parte della donna verso i clienti non provoca comportamenti di rifiuto o si sdegno ma è sempre evidente la complicità ed un certo tipo di affetto verso gli ultimi della città. "Ama e ridi se amor risponde...piangi forte se non ti sente...dai diamanti non nasce niente...dal letame nascono i fior..." E' sicuramente una delle frasi più belle e vere che siano mai state scritte in tutta la musica italiana e non. Diretta e signifitivo questo verso, che chiude il brano, esprime la differenza tra l'essere e l'apparire: non è detto che il bello abbia anche contenuti anzi, spesso è l'esatto contrario. Anche una prostituta, in questo caso, può valere più di una principessa se trasmette ciò che si cerca e se possiede quei valori umani che riescono a sopperire anche ad eventuali lacune linguistiche o comportamentali che non sempre sono sinonimo di educazione e cultura. L'uguaglianza dei ceti e la negazione alle diversità ed alle minoranze emerge ancor più forte da questo brano se si pensa che lo stesso pare sia nato, in realtà, dalla figura di Morena, ovvero un travestito genovese di nome Mario Doré. In seguito alla morte di De Andrè, in via del Campo, oggi solo arteria importante di collegamento per la città, è stata allestita una bottega di musica aperta da Gianni Tassio, intimo amico di Faber. Tra l'altro, secondo lo stesso Tassio, la canzone è ispirata dalla propria madre Liliana, prostituta di professione che, secondo un'altra scuola di sarebbe la celebre "Bocca di rosa" dell'omonimo brano di Faber. Morto anche Tassio, il locale, è stato guidato dalla moglie fino al 2010 quando, però, la bottega è stata acquistata dal Comune di Genova che l'ha trasformata in un piccolo museo con l'intenzione di tener viva la memoria per De Andrè. 

 

Condividi post
Repost0
25 gennaio 2017 3 25 /01 /gennaio /2017 00:01
3534516458_48e4e8595f.jpg
Musica: Nomi d arte


Condividi post
Repost0
23 gennaio 2017 1 23 /01 /gennaio /2017 00:01
3534516458_48e4e8595f.jpg
Musica: Nomi d arte 2


Condividi post
Repost0
21 gennaio 2017 6 21 /01 /gennaio /2017 00:01
3534516458_48e4e8595f.jpg
Musica: cantanti italiani


Condividi post
Repost0
19 gennaio 2017 4 19 /01 /gennaio /2017 00:01
Quiz: Scomponi il Mostro 3

 

Riesci a riconoscere i 4 artisti della musica italiana nascosti nel Mostro?Osserva i particolari del volto e prova a rispondere...Buon Divertimento!!!

 

Condividi post
Repost0
17 gennaio 2017 2 17 /01 /gennaio /2017 00:01
Quiz: Scomponi il Mostro 2

Riesci a riconoscere i 4 artisti della musica italiana nascosti nel Mostro?Osserva i particolari del volto e prova a rispondere...Buon Divertimento!!!

 

Condividi post
Repost0
15 gennaio 2017 7 15 /01 /gennaio /2017 00:01
Quiz: Scomponi il Mostro

Riesci a riconoscere i 4 artisti della musica italiana nascosti nel Mostro?Osserva i particolari del volto e prova a rispondere...Buon Divertimento!

 

 

 

 

Condividi post
Repost0
13 gennaio 2017 5 13 /01 /gennaio /2017 00:01
Quiz: 4 Brani 1 Artista 3

Individua i 4 brani attraverso le immagini proposte e indovina l'artista che le ha realizzate. Buon divertimento!

 

Condividi post
Repost0

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

Chat

Flag Counter

Flag Counter