Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"Non so se sono stato mai poeta

e non mi importa niente di saperlo,

riempirò i bicchieri del mio vino,

non so com'è, però vi invito a berlo..."

Pierangelo Bertoli - A muso duro

Sondaggi

Sanremo Story, Miglior 1° anni 2010/2019
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
16 ottobre 2011 7 16 /10 /ottobre /2011 23:20
Condividi post
Repost0
16 ottobre 2011 7 16 /10 /ottobre /2011 23:07

Divertitevi con questi simpatici quiz a testare le vostre conoscenze sulla storia del Festival di Sanremo.

 

 

Sanremo Story Quiz 


Sanremo Story Quiz 2


Sanremo Story Quiz 3

 

 

 


Condividi post
Repost0
14 ottobre 2011 5 14 /10 /ottobre /2011 16:18

 

Ivano Fossati, in concomitanza dell'uscita del suo ultimo disco "Decadancing", ha annunciato il suo ritiro dalla discografia. Perdere uno dei più grandi autori del panorama musicale italiano è un vero peccato tenendo presente la povertà espressiva che offre l'attuale discografia nazionale. Non è un caso se, pensando a come chiamare questo blog, ho preso in prestito la sua penna. Fossati, figlio della scuola cantautoriale genovese, oltre a comporre per sè una discografia folta e di qualità eccelsa ha impreziosito il repertorio di alcuni tra i migliori artisti italiani come Fabrizio De Andrè, Adriano Celentano, Enrico Ruggeri, Gianni Morandi, Mia Martini, Loredana Bertè, Fiorella Mannoia, Mina, Ornella Vanoni, Patty Pravo e tanti altri. La volontà di Fossati è quella di uscire dalla logica routine della discografia e, quindi, album, promozione e tour ma, non rinuncerà, qualora comporrebbe un altro capolavoro, a proporlo ad un amico interprete poichè non ha alcuna intenzione di reprimere la propria creatività. La notizia del ritiro, però, non deve distogliere l'attenzione dall'uscita di un album intenso come quello appena sfornato e cioè "Decadancig" che già nel singolo "La decadenza" offre una chiave di lettura che la dice lunga sulla sua scelta di lasciare e sulla realtà dei nostri tempi "...in questa decadenza...le parole non hanno chances...". Il brano è rivolto anche alla fuga dei cervelli, ai giovani laureati che lasciano l'Italia per avere una nuova possibilità. La fine di un amore è invece il tema dell'intensa "Settembre" che, volendo, si potrebbe adattare anche all'addio alla musica e ai suoi fans. Il cammino coniugale in questi anni particolari è descritto in "Un natale borghese" e anche ne "La normalità" dove affronta l'ordinarietà di un rapporto usurato, o forse solo normalizzato dal tempo, che vive di ricordi di sogni passati, di rimpianti e di un'alleanza che resiste grazie ad un amore comunque presente. "Io non sono quell'uomo che aveva un sogno e nemmeno l'artista che aveva un dono ma, anche un solo pensiero fa strada, come tutte le grandi illusioni..." è uno dei tratti significativi di "Quello che manca al mondo" un altro pezzo di riflessione sulla nostra realtà e sul futuro che ci aspetta continuando di questo passo. L'intero disco, quindi, propone spunti di riflessioni di varia natura, dalla società, alla politica fino ai rapporti personali. Un ennesima fotografia del nostro tempo eseguita con l'obiettivo sempre lucido e preciso da uno spettatore attento e poco incline alla mediocrità che ci circonda.  In questa decadenza...i poeti non hanno chances!    

 

Condividi post
Repost0
11 ottobre 2011 2 11 /10 /ottobre /2011 14:00

Preannunciato dal primo singolo "Niente d'importante", l'omonimo album di Marco Masini rappresenta un'ulteriore evoluzione dell'artista toscano che riesce, anche cambiando in parte i collaboratori, a mantenere sempre alta l'asticella della qualità. I cambiamenti dal primo Masini sono evidenti e, probabimente, inevitabili vista l'età e l'esperienza acquisita in un cammino iniziato come manifesto di una generazione e proseguito con diffamazioni mediatiche e scomode, quanto ignobili, etichette da jettatore. Nel mezzo di questa carriera sono state tante le canzoni che hanno mantenuto un posto privilegiato nella storia della musica italiana rendendolo un cantatuore amato e mai abbandonato dal suo pubblico anche quando i media ostacolandone la promozione l'avevano costretto a smettere. In questo periodo buio Marco non ha abbandonato il suo popolo e ha continuato a cantare nelle piazze italiane pur non producendo nuovi lavori. Poi il ritorno, la vittoria a Sanremo, la causa contro la vecchia casa discografica e tanto altro fino ad arrivare a quest'ultimo disco. "Niente d'importante" è un disco dedicato prevalentemente all'amore trattato in tutte le sue facce e senza mai cadere nel banale. Quasi tutti i testi sono stati scritti in collaborazione con Antonio Iammarino, già musicista di Marco e vera novità di questo album ma non manca la penna di Beppe Dati presente in due canzoni. Proprio Dati firma la perla di questo album e cioè "Il buffone del momento"  una sorta di nostalgica evocazione di un amore mai finito a cui deve rinunciare per il suo ruolo da buffone/giullare alle dipendenze di un re che può essere identificato come la società, il pubblico o anche il suo stesso ego. Musica e testo si incontrano in un'atmosfera dolce e toccante come avviene anche in "Marco come me" dove l'uomo si separa dall'artista e racconta le difficoltà e le solitudini che si presentano aldilà del calore del palco e dalle luci dei riflettori che non toccano minimamente il cantante ma che restano inevitabilmente al Marco uomo. Tra le altre canzoni da segnalare c'è "Resta ad un passo" dove si parla di un rapporto tra un uomo maturo ed una diciottenne. La ragazzina vede in lui un eroe ma l'uomo, cosciente di ciò che potrebbe causare in futuro, anche se attratto dalla giovane donna gli chiede di "restare ad un passo" per non commettere qualcosa di cui un giorno se ne potrà pentire. Poi c'è "Fino all'ultimo minuto" che ha una ritmica quasi da sigla televisiva o da cartoon che comunque prende e rappresenta l'unicità di ogni cammino umano contraddistinto da scelte personali in cui il destino centra davvero poco. Il singolo invece che dà il nome all'album "Niente d'importante" racconta dei così detti "trombamici" e cioè quelle amicizie speciali in cui c'è anche del sesso ma senza alcun coinvolgimento fino a quando, come succede nella canzone, uno dei due s'innamora. "Angela e la felicità" racconta invece di una donna che ha sempre rincorso la felicità: l'ha sfiorata ma non l'ha mai avuta. Da giovane viveva di progetti e aspettava di essere saggia per non sbaglaire, arrivata la saggezza è rimasta vedova e i progetti sono svaniti insieme alla felicità che augura, invece, alla figlia in viaggio con gli stessi sogni suoi. Queste, a mio parere, sono quelle da evidenziare e pur non essendo ai livelli di un tempo, Masini, ha saputo confermare la differenza che esiste tra un artista ed un cantante. Magari chi non conosce il primo Masini può ascoltare questo album senza pregiudizi o aspettative e, probabilmente, apprezzerà ancor di più l'intera opera. 

 

 

Condividi post
Repost0
11 ottobre 2011 2 11 /10 /ottobre /2011 13:29
Condividi post
Repost0
10 ottobre 2011 1 10 /10 /ottobre /2011 11:50

In questa sezione parliamo della storia del Festival della Canzone Italiana di Sanremo dal 1951 ad oggi.

 

 

71° Sanremo 2021: Ama bis in era Covid

70° Sanremo 2020: Debutta Amadeus

69° Sanremo 2019: Il flop del Baglioni bis

68° Sanremo 2018: La prima di Claudio Baglioni

67° Sanremo 2017: La debacle dei veterani

66° Sanremo 2016: Il trionfo degli Stadio

65° Sanremo 2015: Prima di Conti, vince Il Volo

64° Sanremo 2014: Voce ai cantautori, spicca De André

63° Sanremo 2013: Torna Fazio e vince Mengoni 

62° Sanremo 2012: C'è l'ultima apparizione di Dalla

61° Sanremo 2011: Conduce Morandi e trionfa Vecchioni

60° Sanremo 2010: Con la Clerici si ribella l'orchestra

59° Sanremo 2009: Con Bonolis inizia l'era dei Talent

58° Sanremo 2008: Pippo Baudo fa 13

57° Sanremo 2007: Torna Baudo e vince Cristicchi

56° Sanremo 2006: Con Panariello vince Povia

55° Sanremo 2005: La prima di Paolo Bonolis

54° Sanremo 2004: C'è la Ventura e trionfa Masini

53° Sanremo 2003: Vincono Alexia e Dolcenera

52° Sanremo 2002: Vincono i Matia Bazar e la Tatangelo

51° Sanremo 2001: La prima volta della Carrà

50° Sanremo 2000: Vincono gli Avion Travel

49° Sanremo 1999: Il debutto di Fazio alla conduzione

48° Sanremo 1998: Conduce Vianello e vince la Minetti

47° Sanremo 1997: La giuria di qualità premia i Jalisse

46° Sanremo 1996: Vince Ron ma è boom per gli "Elii"

45° Sanremo 1995: Baudo sventa un tentato suicidio

44° Sanremo 1994: Nasce la stella di Andrea Bocelli

43° Sanremo 1993: Vincono Ruggeri e la debuttante Pausini

42° Sanremo 1992: C'è l'irruzione di "Cavallo pazzo"

41° Sanremo 1991: Trionfano Cocciante e Vallesi

40° Sanremo 1990: Al Palafiori vincono i Pooh e Masini

39° Sanremo 1989: E' l'anno di Mimì e dei figli d'arte

38° Sanremo 1988: E' l'anno di "Perdere l'amore"

37° Sanremo 1987: Baudo annuncia la morte di Villa

36° Sanremo 1986: Prima conduzione al femminile

35° Sanremo 1985: Ci sono Fabrizio e Cristiano De André

34° Sanremo 1984: Nasce la stella di Ramazzotti

33° Sanremo 1983: "Vita spericolata" è penultima

32° Sanremo 1982: Esordio flop per Vasco e Zucchero

31° Sanremo 1981: Troisi rinuncia per la censura

30° Sanremo 1980: Senza orchestra e Benigni show

29° Sanremo 1979: In gara spunta Beruschi

28° Sanremo 1978: E' l'anno di Rino Gaetano

27° Sanremo 1977: La prima al Teatro Ariston

26° Sanremo 1976: L'ultimo al Casinò

25° Sanremo 1975: Le major disertano il Festival

24° Sanremo 1974: Nasce la categoria Giovani

23° Sanremo 1973: La prima edizione a colori

22° Sanremo 1972: Torna l'esecuzione singola

21° Sanremo 1971: E' l'anno di "4/3/1943" di Dalla

20° Sanremo 1970: Vince la coppia Celentano-Mori

19° Sanremo 1969: L'unica volta di Lucio Battisti

18° Sanremo 1968: La prima di Baudo

17° Sanremo 1967: E' l'anno del sucidio Tenco

16° Sanremo 1966: Vince Modugno ma è boom per la Caselli

15° Sanremo 1965: E' l'anno di "Io che non vivo (senza te)"

14° Sanremo 1964: Arrivano i cantanti stranieri

13° Sanremo 1963: L'esordio di Mike Bongiorno

12° Sanremo 1962: Vincono Modugno-Villa ma resta Renis

11° Sanremo 1961: C'è Celentano e il voto popolare

10° Sanremo 1960: Il debutto di Mina

9° Sanremo 1959: Modugno e Dorelli fanno il bis

8° Sanremo 1958: Il trionfo di Modugno in Eurovisione

7° Sanremo 1957: In gara tornano i big

6° Sanremo 1956: Gli esordienti sostituiscono i big

5° Sanremo 1955: Arrivano tv e playback

4° Sanremo 1954: Tra gli autori spunta Totò

3° Sanremo 1953: Arriva la doppia esecuzione

2° Sanremo 1952: Nilla Pizzi monopolizza il podio

1° Sanremo 1951: Nasce il Festival della Canzone Italiana

 

 

 

 

 

Condividi post
Repost0
9 ottobre 2011 7 09 /10 /ottobre /2011 17:49
Condividi post
Repost0
5 ottobre 2011 3 05 /10 /ottobre /2011 14:29
Sanremo 2022

Condividi post
Repost0
3 ottobre 2011 1 03 /10 /ottobre /2011 12:14
Condividi post
Repost0
2 ottobre 2011 7 02 /10 /ottobre /2011 09:21
Condividi post
Repost0

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

Chat

Flag Counter

Flag Counter