Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

…e per questo amore figlio di un'estate,

ci vorrebbe il sale per guarire le ferite,

dei sorrisi bianchi fra le labbra rosa,

a contare stelle mentre il cielo si riposa…

Marco Masini - Ci vorrebbe il mare

Sondaggi

Cosa preferisci di questo blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
23 luglio 2017 7 23 /07 /luglio /2017 23:01

"Uocchie ca me guardate" , ovvero "Occhi che mi guardate", è un brano di Enzo Gragnaniello contenuto nell'album "L'erba cattiva" del 2007. L'intero disco rappresenta una delle migliori produzioni del grande cantautore napoletano in una discografia ricca di successi dove l'intensità e la qualità dei testi sono accompagnate da sonorità che riescono a valorizzare ancor di più il contenuto dei brani. A tutto questo poi va aggiunta la particolare timbrica vocale di Gragnaniello ed i suoi mitici gorgheggi capaci di arricare all'anima. In questo brano, dove si racconta la fase conclusiva della vita di un anziano contadino ormai segnato dagli acciacchi dell'età dovuti prevalentemente alla dura vita nei campi che attende con rassegnazione che arrivi la morte che viene vista come una sorte di spettro che lo osserva. Gli occhi che lo guardano, quindi, potrebbero essere rappresentati come gli occhi della morte o quelli del destino che pur se allontanato o rimandato al giorno successivo non dimenticherà mai il suo appuntamento e, prima o poi, arriverà. Un brano che tocca le radici di una generazione che ha dato la loro vita alla natura e che dalla stessa ha si raccolto i suoi frutti ma ha anche pagato con la propria salute questa usurante pratica giornaliera. Le radici del terreno e la vita spesa per lo stesso, quindi, i temi di questo brano dove assume un ruolo determinante la figura e la paura della morte. Paura che viene esorcizzata dall'uomo che conosce il suo destino e che, nonostante tutto continua a lavorare nei campi e non perde occasione per godere dei sapori e degli odori di quella natura che per lui ha rappresentato l'intera esisitenza. Un testo profondo e toccante che complice la voce di Gragnaniello graffia l'anima e lascia il segno. Un capolavoro assoluto che rende bene anche nel bellissimo video diretto da Alberto Polo Cretara e realizzato all'agriturismo "Fontana dell'occhio" a Reino in provincia di Benevento. Nonostante il brano sia in dialetto napoletano, l'ascolto dello stesso è consigliato fortemente anche a chi non mastica l'idioma partenopeo poichè sono convinto che l'anima riceverà gli stessi impulsi nonostante i superabili ostacoli linguistici. D'altronde l'arte, quando è vera, non conosce confini geografici e nè, tantomeno, barriere linguistiche.

 

 

 


 

Altro su:

Enzo Gragnaniello         

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter