Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"Fratello dobbiamo volare nei cieli più limpidi;
 
Bisogna imparare a sognare per essere liberi...
"
 
Lucio Dalla - Latin lover

Sondaggi

Sei favorevole all'ipotesi di cambiare sede al Festival di Sanremo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
5 settembre 2015 6 05 /09 /settembre /2015 23:01

"Una rosa blu", popolare canzone di Michele Zarrillo, infatti al suo esordio non ottenne il riscontro desiderato dal pubblico e dalla critica. L'artista romano la presenta al Festival di Sanremo 1982 dove viene eliminata ancor prima della finale non rietrando nemmeno tra le ben 22 canzoni che all'epoca accedevano alla fase conclusiva della manifestazione. Un fisco inatteso che dopo la pubblicazione del singolo che conteneva anche "Venere", il brano non venne nemmeno inserito nel successivo album del cantautore. Solo nel 1998 la canzone venne inserita nella ristampa dell'album "Sarabanda" già inciso nel '82, appunto. Il motivo di questo ripescaggio fu l'evoluzione che la canzone ebbe nel confronto col pubblico. Il brano si fece strada e rifiorì anno dopo anno trovando la giusta collocazione tra i maggiori successi della discografia di Michele Zarrillo. Il successo ritrovato dopo tanti anni appare strano e, in qualche modo, magico poichè dal totale anonimato la canzone diventa una delle più amate della musica italiana di degli anni '80 e '90. Successo che continua ancora oggi e Zarrillo la ripropone sempre in ogni concerto nonostante il pessimo debutto che lo aveva convinto persino ad escluderla dal disco di allora. Una vicenda strana ma non unica: sono diversi i casi di canzoni riscoperte dopo diverso tempo dall'esordio come, ad esempio, "Vita spericolata" di Vasco Rossi che ebbe una destino molto simile al brano di Zarrillo anche se il brano di Vasco non riservò un'attesa tanto lunga prima di ricevere l'adeguato riscontro commerciale. Un capolavoro riscoperto, quindi, che ci fa capire che non è necessario aspettare sempre la pubblicazione di nuovi lavori per trovare nuovi brani da amare ma, a volte, basta scavare nel passato di qulache artista di cui amiamo lo stile per ritrovare pezzi che ci potrebbero interessare e che, magari, ne ignoravamo l'esistenza. Con la speranza, quindi, che tutti i successi nascosti vengano rispolverati dal dimenticatoio auguriamo agli artisti della nostra musica come Michele Zarrillo nuovi e clamorosi successi postdatati.

 

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter