Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"Io non appartengo al tempo del delirio digitale,

del pensiero orizzontale,

di democrazia totale.

Appartengo a un altro tempo scritto sopra le mie dita,

con i segni di chitarra che mi rigano la vita.

Io l'ho vista la bellezza e ce l'ho stampata in cuore,

imbranata giovinezza a ogni antico nuovo amore."

 

Roberto Vecchioni - Io non appartengo più

Sondaggi

La Sfida dei 100, 7°Fase-2°Sfida
 
 
 
pollcode.com free polls
16 febbraio 2016 2 16 /02 /febbraio /2016 00:01

"Un giorno credi" è il primo grande successo di Edoardo Bennato che lo incide nel suo album di debutto "Non farti cadere le braccia" del 1973. Dato il successo la canzone venne riproposta anche nel secondo album dell'artista "I buoni e i cattivi" del 1974. Scritta in collaborazione con Patrizio Trampetti, componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare, la canzone esprime gli alti e i bassi che contraddistinguono inevitabilmente la vita quotidiana di ogni essere umano. Il testo invita a non mollare mai ed a rialzare sempre la testa nei momenti di sconforto accettando gli stessi come parte del proprio cammino di vita. Guardare sempre al futuro, quindi, senza mai rimpiangere il passato e senza mai dar troppo peso agli errori commessi. Fermarsi a pensare su ciò che ormai è fatto diventa inutile e destabilizzante per il proprio futuro ed è proprio in quel momento che bisogna rivolgere, con fiducia, lo sguardo verso il futuro. Un testo importante impiantato su di un contesto sonoro ed interpretativo tipico di Bennato che lo porterà presto a diventare un grande protagonista della nostra musica attraverso tantissimi successi. Il brano è stato poi inciso, in una nuova versione, nell'album "Quartetto d'archi" nel 1996 con l'appoggio del Solis String Quartet. Anche Trampetti, inoltre, ne ha incisa una sua versione pubblicandola in "Un giorno credi" del 2005. Nel 2001, invece, la canzone è stata oggetto di un remix molto particolare realizzato dal dj Gigi D'Agostino. In quell'album che lanciò Bennato nel mondo della discografia italiana si ricorda la partecipazione, tra gli altri, del fratello Eugenio Bennato e del maestro Roberto De Simone in qualità di musicista il primo e di direttore d'orchestra e del coro il secondo. Nasce, quindi, con questa canzone la stella di Edoardo Bennato nelle discografia italiana ed ancora oggi la sua luce non tende a perdere lucentezza.

 

 

 


 

Altro su:

Edoardo Bennato

Eugenio Bennato 

Condividi post
Repost0

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

Chat

Flag Counter

Flag Counter