Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"...E ti ricordo ancora,
 
dimmi che non è cambiato niente da allora,
 
chissà se parli ancora agli animali,
 
se ti commuovi davanti a un film.
"

 
Fabio Concato - Ti ricordo ancora

Sondaggi

Quale trasmissione musicale preferisci
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
9 marzo 2017 4 09 /03 /marzo /2017 00:01

"Odio e lacreme" è un brano scritto e cantato da  Nino D'Angelo nel 2006 e pubblicato nell'album "Il ragù con la guerra" dello stesso anno. Il disco vede D'Angelo proseguire sul filone di musica impegnata e sociale rivestita da sonorità etniche che ha contraddistinto la seconda fase, la migliore dal punto di vista qualitativo, della sua lunga carriera artistica. In questo lavoro, infatti, l'autore tratta diversi temi spazziando dai sentimenti come l'amore per "St'ammore" o l'amicizia per "'O mericano" fino a brani di carattere sociale verso la sua Napoli, il suo popolo e le sue difficoltà come  "Bella" e "Brava gente". Ma tema centrale del disco, come si evince anche dal titolo dello stesso, è la guerra con tutte le sue ingiuste, inutili ed atroci assurdità. D'Angelo si sofferma, quindi, su ciò che lascia una guerra e sull'arrogante ignoranza di un potere che, nonostante tante pagine di storia, continua a sacrificare uomini in nome di una Patria che si ricorda dei suoi figli solo in determinate occasioni. Due sono le canzoni che Nino dedica a questo argomento e cioè "L'eroe", brano struggente su di una giovane vittima della guerra e sul poco valore che lo Stato da alle vite dei suoi soldati ed, appunto, "Odio e lacreme". Anche quest'ultimo è un brano molto significativo in cui D'Angelo si interroga sul perchè ancora oggi tante giovani vite devono andare perse in questo modo. "Quanta vita...quanta vite perze...odio e lacreme...Quanta vite...song stelle stutate llà 'nterra...civili e surdate." che tradotto sarebbe "Quanta vita...quante vite perse...odio e lacrime...quante vite...sono stelle spente lì a terra...civili e soldati". Questo il ritornello del brano che rende bene l'idea del messaggio che intende lanciare D'Angelo. Una osservazione cruda quanto semplice da fare ma che non viene notata dagli occhi del potere. Dove non arriva lo Stato però arrivano i poeti che con le loro parole riescono a raccontare la realtà così com'è e riescono a dar voce a quel popolo che non ha mai voce in capitolo tra le stanze del potere ma che poi è sempre il primo a correre quando la "Patria" chiama rimettendoci, magari, la loro stessa vita. Intato le guerre continuano e come ci ha insegnato la storia non hanno mai portato benefici nei popoli bensì, come canta Nino, solo "odio e lacrime".

 

 

 


 

Altro su:

Nino D'Angelo

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter