Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

…e per questo amore figlio di un'estate,

ci vorrebbe il sale per guarire le ferite,

dei sorrisi bianchi fra le labbra rosa,

a contare stelle mentre il cielo si riposa…

Marco Masini - Ci vorrebbe il mare

Sondaggi

Cosa preferisci di questo blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
27 aprile 2017 4 27 /04 /aprile /2017 23:01

"Messico e nuvole" è un brano del 1970 ed è stata scritto per la musica da Paolo Conte con la collaborazione di Michele Virano mentre il testo è di Vito Pallavicini. A lanciarla nel mondo discografico è Enzo Jannacci nell'album "La mia gente" proprio del 1970 con il titolo "Mexico e nuvole". Nel 1988, invece, sarà lo stesso Conte ad inciderla nel disco "Paolo Conte live" e nello stesso anno la canzone compare anche in un altro album di Jannacci intitolato "Quando un musicista ride". Tra le altre cover c'è da sottolineare la grande interpretazione di Fiorella Mannoia che la pubblica nell'album "Concerti" del 2004 e quella di Giuliano Palma & the bluebeaters per il disco "Long Playing" del 2005. Brano, quindi, che ha attraversato le epoche non perdendo mai la sua forza e la sua brillantezza che lo hanno reso sempre affascinante. "Messico e nuvole" ha ispirato, tra le altre cose, anche uno spettacolo teatrale di Angelo Orlando. Il testo del brano parla di un amore lontano provato da un uomo verso una donna che vive in Messico e che viene definito "amore di contrabbando". L'uomo desiste dal tornare in Messico preferendo di restare nella propria realtà e di osservare con malinconia il proprio cielo pensando al suono di una chitarra che accompegnarà i passi della donna che vive "la faccia triste dell'America". A sottolineare quest'aria malinconica c'è quel suono di un'armonica soffiata dal vento e la continua voglia di piangere che viene al protagonista innamorato ma poco convito ad oltrepassare le barriere logistiche e culturali per amore. L'autore, quindi, si chiede anche della incoscienza degli uomini nel pronunciare tanti si e, quindi, di sposarsi pur sapendo di vivere un amore provvisorio, matrimoni che appaiono come "situazioni di contrabbando". Amore e malinconia, mancanza di coraggio e di spirito di avventura, legame con la propria terra ma anche una sorta di egoismo, sono un po' i temi che emergono da questa canzone dal ritmo affascinante e coivolgente. Un successo della nostra musica figlio di una squadra di autori guidata da un grande nome quale quello di Paolo Conte.

 

 

 


 

Altro su:

Enzo Jannacci

Fiorella Mannoia

Giuliano Palma

Paolo Conte

 

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter