Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"Io non appartengo al tempo del delirio digitale,

del pensiero orizzontale,

di democrazia totale.

Appartengo a un altro tempo scritto sopra le mie dita,

con i segni di chitarra che mi rigano la vita.

Io l'ho vista la bellezza e ce l'ho stampata in cuore,

imbranata giovinezza a ogni antico nuovo amore."

 

Roberto Vecchioni - Io non appartengo più

Sondaggi

La Sfida dei 100, 7°Fase-2°Sfida
 
 
 
pollcode.com free polls
19 febbraio 2021 5 19 /02 /febbraio /2021 00:01

"La vita mia" è un classico del repertorio di  Amedeo Minghi ed è stato pubblicato nell'omonimo album del 1989 tratto dal recital "Forse si musicale" registrato al teatro Eliseo di Roma, tranne il suddetto brano che rappresenta l'unico inedito del disco. Scritto in collaborazione con Vanda Di Paolo, la canzone, tratta di un forte sentimento provato dal protagonista verso una donna che identifica proprio come la sua stessa vita. Metafora più alta, in tema d'amore, non può esistere ed anche se può apparire banale rispecchia, senza fraintendimenti, ciò che l'uomo realmente si sente di esprimere. Nel brano vengono ricordati dei momenti vissuti in un intenso amore, quando lo stesso, sembra essere svanito proprio da parte della donna. Il protagonista non si rassegna e ricade in quei ricordi per riassaporare l'essenza di quei tempi ove non era pensabile che quel rapporto finisse. Ma quel sentimento sembra sfuggire di mano ed è diventato, forse, più grande di loro, al punto di non riuscirlo più a domare o a "maneggiare". Ed è così che l'uomo prende atto della cosa e si rassegna a perdere, in qualche modo, la propria "vita". La donna, quindi, porta con sè gli anni più belli di quell'uomo tramutati in ricordi ma anche un futuro che probabilmente non gli riserverà più un tempo così bello od una persona che gli possa ridare quella vita ormai chiusa tra le immagini e le sensazioni di quel passato. Il testo, però, può essere inteso anche come la fine di quella passione causata dallo scorrere del tempo e non della relazione che, però, si trascina stancamente senza più quegli slanci emotivi di un tempo. In ogni caso, qualsivoglia lettura si intende dare, resta un testo magnifico che fa parte delle più belle pagine della discografia italiana ed, in particolare, del ricco repertorio di quel raffinato artista che risponde al nome di Amedeo Minghi.

 

 

 


 

Altro su:

Amedeo Minghi

Condividi post
Repost0

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

Chat

Flag Counter

Flag Counter