Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

Quei giorni perduti a rincorrere il vento,

a chiederci un bacio e volerne altri cento…
 
Fabrizio De André - Amore che vieni, amore che vai

 

Sondaggi

Chi vorresti al fianco di Baglioni a Sanremo 2018
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
9 settembre 2016 5 09 /09 /settembre /2016 23:01

"Anna e il freddo che ha" è una bellissima canzone di Enrico Ruggeri scritta con il fidato chitarrista Luigi Schiavone ed incisa per la prima volta da Gianni Morandi per l'album "Le italiane sono belle" del 1987. Solo nel 1999 Ruggeri, nell'album "L'isola dei tesori" composto prevalentemente da brani scritti dal cantautore milanese per altri artisti, incide il brano insieme alla sua compagna Andrea Mirò ponendo il suo inconfondibile marchio e consacrando il brano con il naturale supporto che quel brano, che rispecchia pienamente il suo stile, attendeva da quasi dieci anni. Per carità, Morandi, è un ottimo interprete ed prestato egregiamente il suo talento anche in questa occasione ma quando, un brano di tale impatto, lo si sente dalla voce e dalle viscere di chi l'ha composto è tutta un'altra storia. Un po' come "Il mare d'invero" e come altri successi, questo brano, assume tutto un altro carattere con lo stile del proprio autore. In più, questa nuova versione, è impreziosita dalla leggera quanto incisiva presenza di Andrea Mirò e della sua voce che ben si accosta al timbro ruggeriano. Il testo ci parla della monotonia di una vita priva di personalità e di un quotidiano, anche di coppia, che perde la sua anima, il suo respiro più intimo, nel frastuono della routine e dei comportamenti meccanici quanto spesso inevitabili che la vita ci porta a compiere in una omologazione in cui ogni mattina siamo di scena con le tante maschere che incosciamente si è costretti ad indossare. In questa apatia mentale e comportamentale si perde la propria anima e con essi quei guizzi spontanei che sanno di rivoluzione e di libero pensiero negli anni della gioventù in cui, un po' tutti, inneggiamo a quel senso di individualità che si placa nella rassegnazione di una vita regolare e politicamente corretta. "...Anna che vola non c'è più..." è proprio uno dei versi che rappresenta questo aspetto così poeticamente e profondamente espresso da Ruggeri in questo brano forse sottovalutato dalla massa e che, invece, non smette di affascinare i fedelissimi dell'artista milanese. Il freddo, quindi, di un'anima che ha perso il suo calore, che ha perso l'unicità di quei segni lasciati dal vento nella propria singola esperienza di vita, un po' come rughe personali appiattite da una società conformista rappresentata come un pesante e inanimato ferro da stiro che lascia, della propria identità, una banale forma liscia priva, all'apparenza, di quelle imperfezioni che ci rendono unici. Un capolavoro, quindi, che conferma, semmai ce ne fosse bisogno, la grandezza di uno delle penne più preziose della nostra storia musicale come Enrico Ruggeri.        

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter