Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

…e per questo amore figlio di un'estate,

ci vorrebbe il sale per guarire le ferite,

dei sorrisi bianchi fra le labbra rosa,

a contare stelle mentre il cielo si riposa…

Marco Masini - Ci vorrebbe il mare

Sondaggi

Cosa preferisci di questo blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
31 agosto 2016 3 31 /08 /agosto /2016 23:01

"Un'estate fa" è un celebre brano italiano, interpretato negli anni da diversi artisti ma che deve il suo successo nel nostro Paese a Franco Califano, autore del testo in italiano. Il brano, infatti, nasce in francese con il titolo di "Une belle histoire" e viene lanciata da Michel Fugain nel 1972 per l'album "Fais comme l'oiseau" realizzato con i Big Bazar. Lo stesso Fugain è l'autore delle musiche mentre il testo è di Pierre Delanoe. Sempre nel '72 la canzone viene incisa in Italia, con testo di Califano, dal gruppo degli Homo Sapiens in un 45 giri insieme a "Il sogno di Laura". La canzone, però, non ottiene fin da subito il clamoroso successo che poi otterrà negli anni successivi. Nel 1990, il brano, viene inciso da Mina per l'album "Ti conosco mascherina" ed inizia ad essere riscoperto fino agli anni 2000, quando il brano viene consacrato grazie ad una serie di cover realizzate da vari artisti. Nel 2001, infatti, i Delta V con la voce di Gi Kalweit realizzano una versione del brano che li porterà al Festivalbar ed a segnare un'estate con questo brano lanciato come singolo del loro album "Monaco '74". Lo stesso gruppo ne realizza anche una versione in inglese dal titolo "Summer ending". Rivalutata la canzone, lo stesso Franco Califano, dopo tante versioni live, la incide nella raccolta "Stasera canto io" del 2001 e nell'album "Le luci della notte" del 2003. Anche gli Homo Sapiens, a metà degli anni 2000, decidono quindi di riproporre il brano con un arrangiamento moderno e nel 2009 è la volta di Pago, nome d'arte di Pacifico Settembre, che ne incide una versione in duetto con Califano per l'album "Aria di settembre". Il testo parla di un amore estivo ormai concluso è che ha portato al protagonista un autunno malinconico fatto di ricordi e di sensazioni di una favola durata troppo poco. La magia di quell'amore strappata via dalla fine di una estate breve ma intensa rimane solo un ricordo lontano che ne enfatizzerà per la vita quella fugace storia tra due ragazzi. Un bellissimo concetto espresso in maniera poetica e affascinante che porterà al brano successo senza fine che, di volta in volta, è stato rispolverato mantenendo intatta la sua forza dal 1972 ad oggi. Tutto ciò è merito sicuramente degli autori originali del brano ma è notevole il contributo per il successo di questa canzone, soprattutto in Italia, di Franco Califano che ha saputo impreziosire quelle note con la sua solita sensibilità e con quell'animo di poeta di strada che lo ha reso, senza esagerare, uno dei più grandi autori italiani del '900. 

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter