Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

Quei giorni perduti a rincorrere il vento,

a chiederci un bacio e volerne altri cento…
 
Fabrizio De André - Amore che vieni, amore che vai

 

Sondaggi

Chi vorresti al fianco di Baglioni a Sanremo 2018
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
pollcode.com free polls
16 agosto 2016 2 16 /08 /agosto /2016 23:01

"Ciucculatina d''a ferrovia" è uno dei capolavori nascosti di Nino D'Angelo, uno di quei brani che non hanno goduto della giusta promozione e che, essendo, come sempre per D'Angelo, in dialetto napoletano, non ha potuto ottenere l'adeguata considerazione in ambito nazionale. Si sta parlando di un vero capolavoro che tra i fans di D'Angelo rimane uno dei pezzi storici dell'artista ed anche lo stesso autore lo ritiene uno di quei brani fondamentali per la sua crescita e per la sua piena maturazione artistica. Un brano come se ne scrivono pochi in una intera carriera e che non sempre il riscontro commericale premia a dovere. Incisa nell'album "Tiempo" del 1993 ed arrangiata da Peppe Narretti, il brano parla di una giovane ragazza dall'adolescenza difficile che sopravvivve di espedienti in quel micromondo rappresentato dalla ferrovia, la stazione centrale di Napoli, dove lo stesso Nino, prima di diventare ciò che conosciamo, è stato per un tempo venditore di gelati. In qualche modo, anche se la protagonista del brano è una donna, Nino ripercorre in lacrime e poesia alcuni anni difficili della sua stessa vita conoscendo a fondo le sensazioni che si provono e le umiliazioni che si è costretti a subire in quel contesto privo di digità e di calore umano. Tra la vendita abusiva di sigarette di contrabbando, carezze rubate da cento mani sconosciute, il rimpianto di una adolescenza mai realmente vissuta, "ciucculatina" che non ha mai conosciuto giocattoli, scuola, sogni, amore, si lascia mangiare dall'oscurità di quel mondo che ha imparato a conoscere a poco più di vent'anni. La sua nascita è dovuta ad uno sbaglio e nel freddo di quelle notti lei si ritrova ad accettare quel destino, davanti ad una bancarella, "scugnizza" e "santarella" allo stesso tempo. Un brano bellissimo, quindi, che forse convince definitamente anche lo stesso Nino delle proprie capacità autoriali permettandogli di passare, anno dopo anno, ad un repertorio sempre più profondo e qualitativo consegnandoci ai giorni nostri uno, se non il più grande, cantautore della attuale musica napoletana.    

Condividi post

Repost 0
Published by Marco Liberti - in Musica Italiana
scrivi un commento

commenti

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua e Pagina Facebook

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter