Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Presentazione

  • : La musica che gira intorno...
  • : Blog di Marco Liberti dedicato principalmente alla musica italiana
  • Contatti

Profilo

  • Marco Liberti
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.
  • Cronista per vari giornali locali e articolista on line da diversi anni in svariati argomenti.

Cerca

Citazione del mese

"...La noia è come il blues: ti fa pensare a dio,

 leggera come un gas che penetra il tuo io;

 La noia è nostalgia di un posto che non c'è,

 è voglia di andar via da tutti e anche da te..."

 

Marco Masini - Malinconoia

Sondaggi

La Sfida dei 100, 3°Fase-10°Sfida
 
 
 
 
pollcode.com free polls
27 gennaio 2018 6 27 /01 /gennaio /2018 00:01

"Padre davvero" è il primo singolo pubblicato da Domenica Rita Adriana Berté con il nome d'arte Mia Martini che presto entrerà nella storia della musica italiana ma che sarà, fin dal principio, accompagnato da una sorte avversa condita di polemiche, censure, illazioni e menzogne che ne condizioneranno prima la carriera artistica e poi la stessa vita. Nel 1971, quando "Padre davvero" viene pubblicata nell'album "Oltre la collina", i tempi del malessere dovuti all'infame etichetta da iettatrice che gli sarà affibbiata dal mondo discografico e che la porterà alla morte sono ancora lontani e di Mimì si nota solo la sua voglia di arrivare ed il suo indiscusso talento vocale ed interpretativo. E' per tale motivo che, Antonello De Sanctis, autore  del testo di questo brano, con musica di Piero Pintucci, decide di affidare la sua composizione a questa nuova stella della canzone italiana. Il testo nasce dal rapporto difficile avuto dall'autore con il proprio genitore ma, la storia appare incredibilmente vicina a quella della stessa Mimì. Negli successivi, infatti, quando emergono i contrasti avuti tra Mia Martini ed il padre, in molti pensano che il brano sia diretto proprio al padre di Mimì. La stessa Mia, però, ha dichiarato che quando la canzone fu scritta lei e gli autori del brano non si conoscevano e lei accettò d'istinto di interpretare questo brano non pensando mai che avrebbe provocato queste dicerie. D'altro canto, però, De Sanctis ha reso noto che quando presentò il brano alla Martini lei ritrovò molti punti comuni alla sua storia rivelando: "Hai descritto il rapporto con mio padre in modo ancor più vero di come l'ho vissuto io". Ciò significa che è vero che il brano non è stato scritto pensando a Mimì ma che lei lo sentiva particolarmente suo poiché molto vicino al suo reale rapporto padre-figlia. Anche per questo, l'interpretazione che ne esce è un qualcosa di straordinario, che rompe gli schemi ed inizia a far conoscere al mondo un'artista unica. Oltre le dicerie, però, questo brano provocò anche altri tipi di problemi a Mimì come quello della censura. Il rapporto violento e crudo raccontato nella versione originale, infatti, viene adattato dalla Rai in diversi punti per consentire la promozione televisiva. Uno dei versi censurati diceva, in origine: "...e con mia madre dormivi nel fieno, anche in aprile, e di me era piena. Padre davvero... sarebbe grande, sentire il parere della tua amante..." e divenne: "...e con mia madre giocavi ad un bel gioco, mano per mano, e la luna era piena. Padre davvero... dai i tuoi consigli, all'altra donna e agli altri tuoi figli...". Censurato, inoltre, anche il verso: "...Ti servo solamente, dentro il letto. Ti servo solamente, quando è notte...". Nonostante tutto, però, il brano ebbe un grande successo fin da subito, fu presentato al Cantagiro e vinse il Festival D'Avanguardie e Nuove Tendenze di Viareggio sempre nel 1971. Negli anni, la canzone, è diventata una perla della musica italiana ed è stata interpretata da diversi artisti tra cui Marco Masini, artista che ha vissuto un po' la stessa storia di Mimì, che ha regalato in una trasmissione Rai, "Per sempre Mia", omaggio all'artista del 2012 una sentita e profonda interpretazione del brano. Una storia di un successo, quindi, iniziata tra censure, dicerie e censure che rappresenta un po' lo specchio di ciò che sarà la carriera e la vita di Mimì fino a quel tragico 12 maggio 1995, data della scomparsa dell'artista ancora avvolta nel mistero. Talento puro e accanimento mediatico sono forse i due punti cruciali che racchiudono la vita artistica e terrena di questa grandissima "piccola donna".    

Condividi post

Repost0

commenti

Lemercier 03/05/2020 10:03

solo poche precisazioni: l'autore della musica è Piero Pintucci, il testo invece è di Antonello De Sanctis. Per comporre le parole della canzone, De Sanctis si ispirò alla storia di un suo amico (come si evince dall'autobiografia dello stesso De Sanctis pubblicata nel 2007 per l'editore Velvet)
Antonello De Sanctis è stato autore di canzoni di notevole successo popolare, cito solo tre titoli a caso: Anima mia (Cugini di Campagna), Tu mi rubi l'anima (Collage), Laura Non C'è (Nek)

Marco Liberti 03/05/2020 17:39

Grazie delle preziose informazioni, a presto!

Scarica l'App 3.0

                                                                           8047838430_df19fcb94f.jpg

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lingua, Pagina Facebook e Donazioni

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
 


this widget by www.AllBlogTools.com

La musica che gira intorno

Promuovi anche tu la tua Pagina

Chat

Flag Counter

Flag Counter